Home Letteratura straniera Letteratura inglese Walter Scott: la nascita del romanzo storico

Walter Scott: la nascita del romanzo storico

430

Walter Scott è stato uno dei più importanti romanzieri del periodo romantico. Nato a Edimburgo nel 1771, il suo nome è legato alla Scozia e al romanzo storico, di cui è uno dei più importanti antesignani. Ivanhoe è il suo romanzo più importante.

Gli esori di Walter Scott

Oggi conosciamo l’autore scozzese soprattutto per il suo ruolo nello sviluppo del romanzo storico. Tuttavia, i suoi esordi sono legati alla poesia, ispirata dall’interesse dello scrittore per le leggende e i racconti popolari della Scozia. Le sue prime pubblicazioni consistono infatti in raccolte di ballate dell’antica tradizione scozzese.

L’estro poetico di Walter Scott non riesce però a competere con quello dei suoi colleghi romantici, e in particolar modo con quello di Lord Byron, che proprio negli stessi anni pubblica Childe Harold’s Pilgrimage, riscuotendo un notevole successo. È dunque questo fallimento che lo porterà alla decisione di rivolgersi alla narrativa, divenendo così una delle voci più importanti e autorevoli del genere del romanzo storico. Autori quali Alessandro Manzoni e Lev Tolsoj  saranno infatti profondamente influenzati dall’opera dello scrittore scozzese.

L’universo del romanzo scottiano


Walter Scott ha portato nei suoi testi le tematiche più scottanti della storia, come le rivoluzioni e i cambiamenti sociali. I suoi personaggi, veri o inventati, provengono inoltre da tutti gli strati sociali. Negli avvenimenti del passato delle sue narrazioni ricrea le condizioni politiche e sociali del suo tempo, potendo così sviluppare delle riflessioni sulla situazione storica attuale.

Walter ScottLa Scozia della Highlands, ma anche altre vicende della storia britannica, è raccontata da Walter Scott. Senza ombra di dubbio, possiamo affermare che l’autore ha dato un’identità storica alla terra scozzese, risvegliando un nazionalismo ancora oggi fortissimo.

I personaggi

I suoi romanzi presentano valorosi guerrieri scozzesi sostenitori degli Stuart, la casa reale della Scozia, che combattono contro le truppe del sovrano inglese. Pieni di coraggio e di nobiltà d’animo, i guerrieri di Walter Scott combattono nonostante siano consapevoli di essere destinati alla sconfitta. È anche questo il motivo che permette al lettore di apprezzarli senza mettere in discussione la sua posizione di suddito della Gran Bretagna.

Nei romanzi di Scott c’è una forte tensione tra realismo e romanticismo. Da un lato i fatti reali della storia, dall’altro i topoi del Romanticismo che si manifestano soprattutto nelle nobili gesta degli eroi, nelle fanciulle, nei ribelli che combattano per una causa in cui credono fermamente. Ma come ci ricorda Lukàcs nella sua analisi del romanzo storico, i personaggi di Scott corrispondono al tipico gentleman inglese: «un “eroe” che è un uomo di indubbia fermezza e dignità morale, ma non romanticamente eroico»[1].

E accanto agli eroi troviamo i personaggi più semplici e comuni, che risultano i più veri e convincenti.

Ivanhoe: il capolavoro di Scott

Il capolavoro di Walter Scott è certamente Ivanhoe, un romanzo che ha anche fortemente influenzato l’immaginario collettivo britannico e non.

Walter ScottLa vicenda si colloca alla fine del XII secolo, al tempo del re normanno Riccardo Cuor di Leone. Ancora travagliata dai contrasti tra Sassoni e Normanni, che avevano conquistato l’Inghilterra nel 1066 con la battaglia di Hastings, c’è un forte scontro tra le due diverse etnie, lingue e culture. Ivanhoe, di origine sassone, sostiene il re normanno ed è pertanto bandito dal padre. Intanto, l’assenza del re è sopperita dal perfido fratello Giovanni, sostenuto dalla nobiltà normanna. Questo nucleo principale di vicende e personaggi si arricchisce di volta in volta. Incontriamo ad esempio Robin Hood, la stregoneria, i templari, le crociate. Solo alla fine, dopo lunghe e complesse peripezie, i due popoli si uniranno finalmente dando origine alla nazione inglese.

Analisi del romanzo

Il tema principale del romanzo è quello della nascita della nazione inglese attraverso il superamento della contrapposizione tra Sassoni e Normanni. L’unificazione è favorita da alcuni personaggi: il re normanno Riccardo I e l’eroe sassone Ivanhoe. Il padre di Ivanhoe e il fratello del sovrano fungono invece da antagonisti che vogliono contrastare il conciliarsi dei due popoli.

L’intreccio della vicenda è molto più pregnante rispetto ai personaggi, che emergono dunque più come tipi umani. La psicologia e il carattere dei personaggi lasciano spazio ai colpi di scena e all’immaginario tipicamente medievale.

Il romanzo di Walter Scott ha esercitato una forte influenza sugli scrittori successivi. Lo stesso Alessandro Manzoni fu fulminato dalla lettura di Ivanhoe, che gli fornirà un aiuto fondamentale nella stesura dei suoi Promessi sposi.

Salvatore Cammisa

Fonti e citazioni

Paolo Bertinetti, Il romanzo inglese, Bari, Laterza, 2017

Ronald Carter and John McRae, The Penguin Guide to Literature in English, London, Penguin, 2016

[1] Paolo Bertinetti, Il romanzo inglese, Bari, Laterza, 2017, p. 40

Commenti

Commenti