El Dorado: la leggenda, il significato e le spedizioni

0
1386
el dorado

Il termine El Dorado si riferisce al leggendario re del popolo Muisca (o Chibcha), che popolarono le Ande settentrionali della Colombia dal 600 d.C. al 1600 d.C. Il nome è particolarmente associato al loro rituale di incoronazione eseguito nella laguna di Guatavita, a nord dell’attuale Bogotá. Nel corso del tempo, il significato di El Dorado si diffuse per riferirsi a una città d’oro perduta e persino a un’intera regione.

Questa storia, oltre ad essere molto interessante, mostra la ricchezza culturale dei popoli indigeni prima della conquista spagnola. All’interno della loro eredità ancestrale troviamo più di 40 lingue aborigene e l’elaborazione dell’artigianato. Ma la peculiarità più importante è il culto e il rispetto per gli dèi della natura; i nativi offrivano sacrifici ai loro dèi (Sole Dio del Giorno, Luna Dio della Notte).

La Leggenda di El Dorado

Secondo la leggenda, tra i Muiscas, quando era necessario incoronare un nuovo monarca, l’uomo che sarebbe diventato re si preparava per il suo grande giorno con un periodo di astinenza, che durava sei anni. Appartato in una grotta, gli erano proibiti il sale, il piccante e le donne. Quando finalmente arrivò il giorno dell’incoronazione, il futuro re si recava nella laguna di Guatavita, una remota laguna formatasi in un cratere vulcanico estinto, al fine di fare offerte agli dèi in modo che benedicessero il suo regno.

Il rituale

Il futuro re andò al centro del lago su una zattera. La zattera, fatta con il giunco, era carica di tesori d’oro e smeraldi e su di essa erano posti quattro grandi bruciatori di incenso. L’incenso era chiamato moque e i bracieri, a cui si aggiungevano quelli posti intorno alle rive del lago, emanavano nuvole di fumo denso che dovevano aggiungere misticismo alla cerimonia.

Il futuro re, spogliato, viene completamente coperto da uno strato appiccicoso di resina su cui veniva soffiata una sottile polvere d’oro. Il risultato fu quello di un brillante uomo d’oro, letteralmente un “Hombre dorado” (uomo d’oro), da cui deriva il nome El Dorado. Sulla zattera viaggiavano anche quattro aiutanti, che indossavano abiti meno spettacolari ma carichi di pesanti gioielli d’oro, su qualsiasi parte del corpo a cui potevano essere appesi. Anche se il tesoro più fantastico di tutti era in sé, il futuro re.

el dorado

Il grande momento arrivava quando, accompagnato da trombe e canti sulle rive, la zattera raggiunse il centro della laguna. In quel momento calav il silenzio sulla folla, gli aiutanti gettavano il favoloso tesoro d’oro e gioielli nella laguna e anche le persone sulle rive gettavano le loro offerte d’oro nelle acque sacre. Il culmine della cerimonia arrivava quando lo stesso re, ricoperto d’oro, saltava nella laguna e quando usciva, pulito dalla polvere d’oro, diventava poi il re dei Muisca (il Zipa).

Chi erano i Muisca?

I Muisca era popolo indio, della famiglia linguistica Chibcha, che viveva in Colombia, negli altopiani della catena montuosa orientale (Boyacá, Cundinamarca e un’estremità di Santander). Quando gli spagnoli arrivarono in queste terre, formarono diversi stati indipendenti. Due capi si disputarono l’egemonia: il Zipa de Bacatá (Bogotá) e il  Zaque de Hunsa (Tunja).

I Muiscas, la cui cultura aveva molta affinità con quella degli Inca, erano dediti all’agricoltura, erano notevoli vasai e fabbricavano una varietà di gioielli e curiose figure di oro e rame, realizzati in lastre di metallo. Il loro culto consisteva nell’adorazione delle stelle, di Bochica, il loro eroe civilizzatore, e nella venerazione dei suoi antenati.

Significato simbolico dell’oro per i Muisca

All’interno della società Muisca, l’oro, o più specificamente una fusione d’oro, argento e rame chiamata tumbaga, era molto apprezzato, non solo per il suo valore materiale ma per il suo potere spirituale, per la sua connessione con le divinità e per la sua capacità di mantenere l’equilibrio e l’armonia all’interno della società.

“Per i Muisca di oggi, come per i nostri antenati, l’oro non è altro che un’offerta. L’oro non rappresenta ricchezza per noi”, ha affermato Enrique González, un discendente di Muiscas.

Il modo in cui la storia si è trasformata nel mito di una leggendaria città d’oro rivela come il metallo prezioso fosse una fonte di ricchezza materiale per i conquistadores. Non capivano il vero valore dell’oro per la società Muisca. Le menti del Vecchio Continente semplicemente non potevano elaborare l’idea di quanto oro sarebbe potuto essere gettato sul fondo di un lago e sepolto in altri luoghi sacri in Colombia.

La maggior parte dei preziosi oggetti d’oro precolombiani è stata fusa, perdendo cosi il loro grande valore come uno dei maggiori indizi per comprendere il lavoro di un’antica cultura.

El Dorado e i Conquistadores

El Dorado non era solo un’immagine fantastica, era anche il motore che guidava la scoperta di nuove terre e l’arma mortale che annientava gli indigeni. Quando i conquistadores spagnoli ascoltarono le incredibili storie di una città fatta d’oro, cercarono di trovarla con tutti i mezzi possibili. Tuttavia, gli spagnoli, gli esploratori e i cacciatori di tesori che li seguirono non trovarono mai i favolosi tesori di El Dorado.

L’arrivo di Colombo in America nel 1492 segnò l’inizio di uno scontro di culture come pochi documenti storici. Era un confronto brutale di visioni completamente opposte dell’umano e del divino. La grande immaginazione dei conquistatori li portò a vedere nei loro deliri una città luminosa con strade e case d’oro, dove il metallo prezioso era così abbondante e comune che praticamente tutto era costruito con l’oro, compresi gli utensili da cucina. Furono poi i conquistadores a portare e costruire la leggenda di El Dorado, insieme a ciò che gli indigeni di quel tempo raccontavano a loro.

Le spedizioni

Nel corso dei secoli sono state organizzate spedizioni stravaganti e costose per trovare El Dorado e le sue ricchezze, ma nessuna ha avuto successo. Nel 1580, Antonio de Sepúlveda aveva forse il piano più ambizioso per trovare l’oro. Il suo piano consisteva nel tagliare un pezzo del bordo del cratere della laguna di Guatavita per drenarlo e trovare il tesoro, che doveva essersi accumulato nella laguna durante secoli di cerimonie di incoronazione.

Sepulveda trovò alcuni manufatti d’oro intorno ai bordi della laguna, ma prima che potesse essere completamente drenata, una frana bloccò il taglio facendo salire di nuovo il livello dell’acqua della laguna. Inoltre, un ammutinamento da parte della popolazione locale costrinse gli spagnoli ad abbandonare la loro ricerca.

Gonzalo Jiménez De Quesada

Gonzalo Jiménez De Quesada, con il pretesto di trovare una via tra Santa Marta (città al nord della Colombia) e i territori appena conquistati nelle Ande, partì nel 1536 senza conoscere la leggenda di El Dorado. Jiménez De Quesada arrivò in una pianura con un bellissimo villaggio dove gli ornamenti d’oro erano innumerevoli. Lì, grazie ai Muisca, apprese la storia di El Dorado e la sua ricchezza. Ma non fu fino al 1569 che iniziò la sua ricerca infruttuosa.

Sebastián De Belalcázar

Si pensa che Sebastiàn De Balalcàzar sia stato il primo a battezzare la leggenda chiamando quel luogo El Dorado. Si unì alla spedizione di Jiménez de Quesada e sulla sua strada fondò diverse città (come la città di Cali) che favorirono la crescita dell’impero spagnolo. Tuttavia, le divergenze e le dispute con gli altri conquistadores sul dominio della terra scoperta causarono l’abbandono della ricerca di Eldorado. Pertanto, i risultati cumulativi di queste spedizioni sono stati estremamente deludenti.

Un po’ d’oro è stato trovato, così come alcune pietre preziose e ceramica, ma nulla che corrisponda alle favolose ricchezze descritte nella leggenda di El Dorado. Tuttavia, questo è appropriato, dal momento che, dopo tutto, i proprietari originali dell’oro e dei gioielli intendevano che le loro offerte al sole rimanessero per sempre sul fondo di una laguna nelle remote montagne della Colombia.

Le spedizioni alla ricerca di El Dorado ha originato la fondazione delle importanti città colombiane di Cali e Bogotá.

È veramente esistita la città di El Dorado?

Tutto indica che El Dorado è sempre stato una leggenda. Leggenda in parte accresciuta dal desiderio di ricchezza degli europei, che interpretavano a piacimento le storie dei nativi. In ogni caso, è diventato parte della cultura popolare. Infatti, questo termine è usato anche per far riferimento a qualsiasi luogo in cui si possa fare rapidamente fortuna.

La vera storia dietro il mito è stata ricostruita negli ultimi anni utilizzando una combinazione di antichi testi storici e ricerche archeologiche. Molti aspetti di questa interpretazione degli eventi sono convalidati da un’attenta ricerca archeologica. La ricerca rivelò anche l’eccezionale abilità e scala della produzione d’oro in Colombia al momento dell’arrivo degli europei nel 1537.

El Dorado dà il nome a diverse città dell’America Latina e ad una contea della California, negli Stati Uniti.

Dove si trova El Dorado?

Il luogo in cui la leggenda di El Dorado è stata istituita come parte importante della tradizione latinoamericana corrisponde a Cundinamarca, territorio Muisca appartenente alla grande famiglia indigena Chibcha, oggi dipartimento della Repubblica di Colombia.

El Dorado nella cultura popolare

-Nel film d’animazione, La strada per El Dorado, due giovani vincono una mappa che presumibilmente indica la strada per la città di El Dorado. Entrambi scoprono che la mappa è autentica e che la città esiste.

-Il primo singolo dall’album “The Final Frontier” della band inglese Iron Maiden si intitola “El Dorado”.

-Nel film Black Panther del Marvel Cinematic Universe, la capitale del Wakanda è stata chiamata El Dorado, dandole la posizione sbagliata in Sud America. Quando in realtà è sempre stata in Africa meridionale.

-In un’opera di Voltaire, chiamata Candido, o l’ottimismo, il protagonista riesce a raggiungere la città nascosta di El Dorado, che è fatta d’oro e il comportamento dei suoi abitanti è esemplare, poiché non danno valore all’oro.

-Il cantante italiano Mahmood, nel luglio 2020, ha pubblicato un singolo dal titolo “Dorado”, con la collaborazione di Sfera Ebbasta e Feid.

-Il gruppo rock Negrita ha realizzato l’album “HELLdorado” intorno al mito del paese dell’oro.

Fonti: