Home / Cinema & TV

Cinema & TV

Alien Covenant: delusione parzialmente scremata

alien covenant

Il mondo aveva davvero bisogno di Alien Covenant? Sicuramente i fan della saga erano curiosi di scoprire cosa succedeva dopo Prometheus e prima di Alien ma le aspettative sono state, almeno parzialmente, disattese. Delusione totale per chi si aspettava xenomorfi ovunque, il vero protagonista di questo film è David ossia Walter ossia Michael Fassbender. Il droide è un modello usualmente usato ... Continua a leggere »

Tredici – TH1RTEEN R3ASONS WHY, la recensione

tredici

La prima stagione di Tredici – TH1RTEEN R3ASONS WHY (di Brian Yorkey, basata sul romanzo 13 di Jay Asher) ha esordito il 31 marzo sulla piattaforma Netflix e, dato l’immediato successo, la serie è stata rinnovata per una seconda stagione. Trama: Hannah Baker si è suicidata e ha registrato su sette audio cassette i tredici motivi per cui lo ha ... Continua a leggere »

Rewind the tape: il cinema attraverso lo specchio

Lo specchio riflette ed è per questo che sembra immediato il suo rapporto con il tema del doppio: grazie ad esso ci si riflette, ci si riconosce, ma, allo stesso tempo, è uno strumento di perdizione. Inoltre, ancora più specificatamente, è legato alla vista, all’occhio: gli strumenti della conoscenza e della coscienza (nelle credenze popolari, gli specchi sarebbero anche in ... Continua a leggere »

Rewind the tape: l’amore impossibile di Nanni Moretti

Nanni Moretti

L'impossibilità dell'amore di Nanni Moretti, l'autore che più di tutti riesce a leggere i drammi del tempo. Tra Bianca (1984) e La messa è finita (1985). Continua a leggere »

Relatività linguistica: Arrival e l’ipotesi Sapir-Whorf

Arrival

Tra linguistica extraterrestre e riflessioni sul determinismo, passando per la capacità di conoscere il futuro, Arrival è un film che ha molto da dire. Continua a leggere »

Rewind the tape: la potenza del falso al cinema

falso

Prima di tracciare il percorso interdisciplinare riguardante il documentario (ma, per essere più specifici, di tutto il cinema non-fiction) si è già sottolineato il fatto che si deve fare attenzione con i termini vero e/o falso. Quando si parla di documentario spesso si compie un errore di disattenzione considerandolo come una semplicistica trasposizione della realtà così come essa si presenta. ... Continua a leggere »

Rewind the tape: Leni Riefenstahl, l’artista

Riefenstahl

Quando si ha a che fare con artisti del calibro di Leni Riefenstahl, non ci si può fermare a un giudizio semplicisticamente morale. Il fatto che abbia avuto (o meno) rapporti con il nazismo non dovrebbe incidere sulla qualità del giudizio che si può avere con la visione di uno dei suoi film. Ciò perché per quanto sia di fondamentale ... Continua a leggere »

Nikita: il più bel noir europeo degli anni ’90

È decorso in questi giorni il compleanno di uno dei più celebri e acclamati autori cinematografici europei degli ultimi trent’anni: tanti auguri a Luc Besson che taglia il traguardo delle cinquantotto candeline. Il regista più acclamato e discusso del cinema moderno francese ha formato, coi suoi capolavori, generazioni di cinefili ed affezionati fan. Celeberrimi i suoi travagliati inizi quanto i ... Continua a leggere »

Split: c’è chi soffre e c’è chi è impuro

split

Montaggio, fotografia, McAvoy. E già dalle prime scene bastano questi tre elementi a far godere. Split di M. Night Shyamalan parte bene, insomma. Split = franto Kevin (James McAvoy) ha una personalità frammentata (“Split”, appunto), come se dall’unico nucleo originario – cioè la sua personalità da bambino – siano esplose in direzioni diverse 23 schegge. Ognuna di esse esiste per ... Continua a leggere »

Rewind the tape: il cinema di propaganda nazista

nazista

Il cinema del periodo nazista ha caratteristiche molto simili a quelle del cinema fascista: spesso si prediligono film privi di espliciti messaggi politici e di alta qualità tecnico-formale. Ovviamente, si devono escludere i cinegiornali e alcune opere di finzione esplicitamente di propaganda come il famoso Süss, l’ebreo del 1940 (in tedesco Jud Süß). Süss, l’ebreo è diretto da Veit Harlan ... Continua a leggere »