Home Dark Metal & Darkwave Ozzy e Sharon Osbourne: la coppia rock si separa

Ozzy e Sharon Osbourne: la coppia rock si separa

3704
ozzy e sharon

Dopo oltre trent’anni passati insieme, Sharon ha lasciato Ozzy Osbourne, interrompendo così una delle unioni più longeve e significative che la storia del rock abbia mai conosciuto. Alla base di tutto, come riportano alcune delle più importanti testate giornalistiche, ci sarebbe un tradimento: il padrino del metal da mesi condurrebbe due vite parellele, e sarebbe legato ad una non meglio nota hair stylist, tra l’altro molto più giovane di lui. Questa notizia, presa da sola, non meriterebbe più di tanta attenzione, anzi, sarebbe quasi da declassare a semplice gossip, ma l’importanza che ha avuto, e che ha tuttora, la figura di Sharon nella vita del cantante metal per antonomasia fa sorgere più di un dubbio sul suo futuro artistico: perché Ozzy e Sharon non sono stati una semplice coppia, ma sono stati l’uno il completamento dell’altro.

Ozzy e Sharon: una coppia (im)perfetta

ozzy e sharonIn una coppia, ma il ragionamento si potrebbe facilmente estendere a qualsiasi insieme di persone, c’è sempre il partner più appariscente, quello capace di intrattenere gli ospiti con la sua sola presenza, quello che tutti (o tutte) vorrebbero  sposare, e poi c’è quello meno in vista, quello silenzioso, quello che parla poco e agisce molto, quello che, grazie alla sua forza di volontà, riesce a tenere l’altra sua metà con i piedi per terra, aiutandolo a rendere sempre al massimo e a non cadere nei vizi che potrebbero distruggerlo. Tra i due, Ozzy ha sempre avuto una fama mondiale, è sempre stato incensato degli epiteti più altisonanti, è sempre finito sulle copertine delle più importanti riviste musicali, è stato, ed è ancora, una delle rock star più famose al mondo, ma molto del suo successo lo deve a Sharon.

Subito dopo essere stato licenziato dai Black Sabbath, Ozzy Osbourne entrò in una profonda depressione, arrivando a rinchiudersi per quasi un anno in una camera d’albero a Los Angeles, intervallando i suoi giorni con alcool e droghe di ogni genere: del Prince of Darkness che tutti ricordavano non era rimasto più niente. Grazie al supporto di Sharon, che da semplice manager diventò sua moglie, il cantante britannico non solo riuscì ad uscire dal pericoloso tunnel delle dipendenze, ma iniziò una lunga e brillante carriera solista, che lo porterà a diventare ancora più famoso di quando era il frontman dei Black Sabbath.
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=bwDpAfFzcRQ]

Fu lei a reclutare tutti i membri della band che avrebbe accompagnato il Mad Man per i primissimi anni da solista, tra cui il talentuoso ed indimenticato Randy Rhoads, fu lei a costruire, un pezzo alla volta, l’immagine oscura, tenebrosa e di successo con cui Ozzy è conosciuto nel mondo, e fu sempre Sharon  a tenere a bada, non senza qualche problema, i vizi del suo esuberante marito, che, in sua assenza, avrebbero finito per stroncarne prematuramente la carriera. Ozzy e Sharon hanno avuto una vita di coppia molto burrascosa: i litigi tra i due erano quasi quotidiani, talmente violenti da arrivare anche al confronto fisico, e la signora Osbourne si definiva “una donna battuta”. Nel 1989 si sfiorò la tragedia: Ozzy, completamente sotto l’effetto di droghe ed alcool, tentò di strangolare la moglie, causandole il ricovero in ospedale; a seguito di questi  avvenimenti, il cantante britannico decise di sottoporsi ad un lungo periodo di riabilitazione, e, nonostante tutto, Sharon decise di non denunciarlo.

Sharon Osbourne: una donna con gli attributi

ozzy e sharonSharon e Ozzy sono riusciti a sopravvivere, almeno finora, a tutte le crisi di coppia possibili  ed immaginabili, e la manager, per evitare che il suo celebre marito potesse cadere in tentazione, ha dovuto ricorrere a delle decisioni drastiche, tanto da inimicarsi buona parte della scena rock. Celebre è stata la decisione di prendere le distanze, anche ricorrendo a dichiarazioni forti, dai Motorhead e dai Motley Crue, i cui eccessi avrebbero potuto trascinare il Mad Man nuovamente nella spirale da cui faticosamente era uscito.

Un altro dei meriti di Sharon Osbourne è stato non solo quello di aver reso Ozzy un’icona di fama mondiale, ma anche quello di averlo reso ancora più popolare attraverso il reality show The Osbournes. Nonostante le critiche piovute da tantissimi esponenti della scena musicale, è stato grazie a quello show televisivo che il Prince of Darkness è entrato nelle case di milioni di telespettatori, rivelandosi in tutta la sua stranezza, la sua goffagine e la sua umanità. La scelta di ricorrere alle telecamere non fu ritrattata neanche durante la seconda stagione del programma, quando la stessa Sharon scoprì di avere il cancro: fu proprio lei ad insistere affinché Mtv continuasse le riprese, affinché la sua personale battaglia fosse di ispirazione alle persone nelle sue stesse condizioni.

Mi ha dato una vita incredibile, tre fantastici figli e lo amo. Va bene cosí, perché onestamente ora come ora non ho idea di cosa faró nel resto della mia vita. […] Ho bisogno di tempo per pensare a me stessa e a quello che voglio per il resto della vita. Sto per aprire l’ultimo capitolo della mia vita, quindi voglio pensare attentamente a dove voglio andare… ho 63 anni e non posso continuare a vivere cosí.

Quello che appare meno chiaro è come tutto questo andrà ad influire sul rapporto lavorativo tra Ozzy e Sharon: la figura della moglie manager è stata ed è di fondamentale importanza sia per il cantante che per gli stessi Black Sabbath, e lo stesso frontman inglese rappresenta la star più famosa da lei gestita. In parole povere, se da un punto di vista sentimentale una separazione è quasi fisiologica, dal punto di vista lavorativo non solo non sembra possibile, ma nemmeno auspicabile.

Nonostante chi vi scrive non sia avvezzo a parlare di gossip, Ozzy e Sharon hanno costituito la coppia rock per eccellenza  più di chiunque altro, e proprio per questa ragione un loro futuro da separati è quasi impossibile da immaginare, soprattutto se questo dovesse avere ripercussioni sul piano musicale.

Claudio Albero

Commenti

Commenti

CONDIVIDI