Home Estremo Oriente ed India India Ajna Chakra, il terzo occhio “ove si realizza il comando”

Ajna Chakra, il terzo occhio “ove si realizza il comando”

3222
terzo occhio

Ajna Chakra rappresenta il terzo occhio, l’occhio spirituale nonché il sesto chakra “ove si realizza il comando”. Esso ha la forma di un loto bianco spendente con due petali su cui vi sono incise le lettere ha e ksha e costituisce la vista dell’anima, la sede della visione astrale attraverso cui le immagini sono trasferite al cervello. Il sesto chakra è il punto in cui i serpenti Ida e Pingala si incontrano e si dice che quando la kundalini attraversa questo chakra, apre l’ultimo dei tre nodi. Aprire il terzo occhio è uno dei passi principali del prendere coscienza.

Nelle culture orientalterzo occhioi il terzo occhio rappresenta la capacità di avere visioni mistiche, la facoltà di vedere cose, persone e situazioni con la mente. Tale credenza ha avuto origine nell’antichità in India, Cina e Asia ed è conosciuto in tutto il sub-continente indiano come “Urna” o “Trinetra,” contrassegnato da un punto al centro della fronte, sopra e tra gli occhi.

Secondo la tradizione occulta dei Maya, Olmechi e gli Aztechi nell’età dell’oro i nostri antenati avevano un “terzo occhio” al centro delle loro fronti e nel corso del tempo, evolvendosi, lo hanno perso poiché esso si è atrofizzato diventando la moderna “ghiandola pineale” che si trova proprio nel centro geometrico del cervello umano. Malgrado ciò, esso potrebbe essere tutt’ora risvegliato e per far sì che ciò avvenga si necessiterebbe di una maggiore coscienza, percezione, chiaroveggenza, capacità di auto-guarigione per percepire la anima interiore o Sé superiore, il nostro vero essere eterno.

Terzo occhio: il risveglio

È possibile risvegliare il terzo occhio attraverso un’antica pratica dello Yoga.

terzo occhioEsiste un tipo specifico tipo di yoga chiamato “Kundalini Yoga” adoperato esplicitamente per trovare il “Sé superiore”. Kundalini è un termine sanscrito antico che indica l’illuminazione sperimentata durante la scoperta dell’anima:

“Questo meccanismo, noto come Kundalini, è la vera causa di tutti i cosiddetti fenomeni spirituali e psichici … l’origine segreto di tutte le dottrine esoteriche e occulte, la chiave maestra per il mistero irrisolto della creazione, la fonte inesauribile di filosofia, arte e scienza, e la fonte di tutte le fedi religiose, passate, presenti e future. ” afferma la Dr. Lee Sannella.

Come gli antichi Indù, i Maya credevano che il mondo e tutto ciò al suo interno fosse fatto di poli opposti, tra cui il nostro corpo fisico:

Nel corso della storia Maya i lati destro e sinistro del corpo umano, l’orientamento spaziale destra/sinistra, hanno avuto importanti significati culturali e simbolici … Per i Maya classici, come per i popoli contemporanei Maya, la mano destra spesso significava “puro, potente, o di livello superiore,” e la sinistra spesso simboleggiava “più debole, zoppo, o subordinato” in particolari contesti culturali ″ afferma il Dr. Joel W. Palka, docente di Antropologia, Vanderbilt University.

I Maya credevano che per toccare l’oro alchemico bisognava capire e bilanciare questa dualità e infatti, questa era la religione fondamentale del popolo Maya. L’esperto Maya Mercedes de la Garza ci dice che:

“ Il concetto di base della religione Maya è l’armonia degli opposti ”

Sabrina Mautone

Fonti:

Ulteriori Informazioni

Fonte articolo: Alkaemia.

Fonte Immagini terzo occhio: Google.

Curiosità: Gautama Buddha, OmSiddharta.

Fonte citazioni: Dr. Lee Sannella (Physician, Author, Founder of The Kundalini Clinic)

Commenti

Commenti