Home Musica del Novecento Storia del Rock Le origini del Rock tra black e white music

Le origini del Rock tra black e white music

4117
origini del rock Chuck Berry

Fino agli albori del Novecento, la musica che tendiamo a denominare classica ha dominato lo scenario musicale mondiale. Gli ambienti colti, ma non solo, ammiravano le esibizioni al pianoforte di Beethoven, oppure le pièce operistiche di Giuseppe Verdi. Nel XX secolo la situazione cambia radicalmente: nascono il jazz, il soul, il blues, ma soprattutto ci sono le origini del rock.

origini del rockA cosa si deve questo cambiamento? E cosa ha di nuovo la musica novecentesca? A queste domande darà risposta questo percorso, che si occuperà dell’evoluzione della musica contemporanea, con un occhio di riguardo, per l’appunto, al rock.

Le origini del rock: l’incontro fra black music e white music

Il Rock ha un preciso luogo di nascita: gli Stati Uniti d’America. Il genere musicale più popolare del XX secolo poteva nascere solo dal connubio di due tradizioni per lungo tempo opposte, che si sono poi fuse per dare vita al nuovo genere musicale.

La tradizione folk statunitense è indubbiamente quella con le radici più antiche; andando a ritroso nel tempo, si può farla risalire fino ai canti dei Padri Pellegrini. Il filone folk statunitense darà poi vita alla cosiddetta ‘country music, che ha antecedenti in canzonette come “Oh! Susanna“, pubblicata nel 1848.

blues

Dall’altra parte, l’arrivo in massa di afroamericani da impiegare nelle piantagioni statunitensi mette le basi all’emergere della black music. I bianchi americani cercarono con ogni mezzo di reprimere le tradizioni culturali africane dei loro schiavi, che si ritrovarono costretti ad elaborare nuove tradizioni culturali per mantenere un’identità distinta da quella dei loro schiavisti.

Il primo prodotto culturale degli afroamericani degli States è il blues. A differenza dei primi countrymen della prima metà del Novecento, che ottenevano successo commerciale, i primi bluesmen erano veri e propri vagabondi che girovagavano l’intero paese.

La rivoluzione degli anni ’50

KerouacLe origini del rock sono datate gli anni ’50. A differenza di altri generi musicali poco politicizzati, la nascita del rock non potrebbe spiegarsi senza la particolare situazione politico-culturale che vigeva negli States post-bellici.

Il Maccartismo, vale a dire l’ossessiva caccia alle streghe contro i comunisti, è rigettato dalla gioventù statunitense. On the Road di Jack Kerouac è il libro simbolo del periodo: nonostante il boom economico, l’età d’oro del capitalismo, inizia a diffondersi un deciso spirito di ribellione giovanile dovuto all’asfissiante sistema culturale imposto dall’alto.

Il rock è la risposta perfetta alla richiesta dei giovani di una controcultura da opporre alla cultura dominante. Le origini del rock sono dovute, nei primi anni ’50, all’incontro delle due tradizioni musicali statunitensi, dove è l’elemento black ad essere quello caratterizzante.

Per tale ragione esso viene disprezzato: viene inizialmente definito jungle music, musica da giungla, dall’Enciclopedia Britannica, il Time lo definisce una malattia sociale che veicolava i “valori” del nazismo, mentre per Frank Sinatra è “suonato da cretini”.

Le prime canzoni rock

origini del rock Elvis PresleyC’è una data di nascita ufficiale del rock? Molte canzoni hanno guerreggiato fra di loro per la palma di “prima canzone rock”. La prima incisione considerabile rock è “Rocket 88” di Jackie Brenston & His Delta Cats, risalente al 9 giugno 1951, ma molti pongono la data di nascita del genere in anni successivi.

Il 5 luglio 1954 un giovanissimo Elvis Presley, negli studi della Sun Records, incide That’s Allright: è la nascita del rockabilly. Tale genere, una sorta di protorock, dà molta importanza all’eredità country, ed è abbinata ad un particolare look: la pettinatura pomp, vale a dire il famosissimo ciuffo alla Elvis imitato in Italia da Little Tony e Bobby Solo, i jeans Levi’s, le t-shirt e le giacche da moto.

origini del rock Chuck BerryThat’s Allright non è, però, la canzone simbolo del rock anni ’50. Saranno due pezzi ad essere riconosciuti a posteriori come le radici del rock. Il primo cronologicamente è “Rock Around the Clock” di Bill Haley, canzone dal nome evocativo, che il 9 luglio 1955 raggiunge il primo posto in classifica, rimanendovi per due mesi. Si tratta del primo grande successo della musica rock.

Il vero simbolo del primo rock emerge chiaramente dal film “Ritorno al Futuro“: nel film, quando Marty McFly torna negli anni ’50, inventa “Johnny B. Goode“. La canzone è in realtà di Chuck Berry, artista di colore e peraltro ancora in vita. Ciò che rende unica Johnny B. Goode, o che la rendeva unica nel suo periodo, era l’uso della chitarra, che rendeva il ritmo molto distorto, caotico, disordinato: è il tratto caratterizzante del rock, un genere dai testi e dalle melodie fuori dagli schemi.

Davide Esposito

Commenti

Commenti

CONDIVIDI