Home America Nord America I NEEDED COLOR: Jim Carrey artista

I NEEDED COLOR: Jim Carrey artista

4601
I NEEDED COLOR - Jim Carrey
I NEEDED COLOR - Jim Carrey

Imprevedibile e devastante come il suo The Mask , Jim Carrey stupisce ancora rivelando la sua grande passione per l’arte e le sue spiccate doti creative. Scultore ma soprattutto pittore, l’attore canadese adottato ormai dagli USA si è raccontato in un docufilm di breve durata, dal titolo I NEEDED COLOR (qui è possibile vedere il video integrale), firmato e diretto da David Bushell.

I NEEDED COLOR - Jim Carrey
I NEEDED COLOR – Jim Carrey

Certamente non è il primo personaggio pubblico, attore in questo caso, diventato famoso per esperienze appartenenti a mondi diversi da quelli della pittura o dell’arte in genere, che si scopre essere un “painter-dipendent”. Prima di Jim Carrey infatti star della musica, dello sport, addirittura presidenti di grandi potenze mondiali hanno testimoniato e dimostrato le loro capacità espressive e creative. I NEEDED COLOR è un racconto dal tono pacato, rilassante, accompagnato dalla ridondante gamma di colori delle opere di Carrey, che aiuta lo spettatore a conoscere un lato completamente nascosto ed un personaggio del tutto differente da quello costruito dallo starsystem hollywoodiano.

Il regista infatti ha cercato di sottolineare l’aspetto concettuale, spirituale oserei dire, che si cela dietro la figura dell’artista Carrey e non dell’attore, assumendo dunque un punto di vista molto più distaccato e disinteressato, rivolto unicamente all’identità neofita e ai più sconosciuta, dell’alter-ego buono di The Mask. Carrey racconta che in passato si è spesso trovato sepolto dalle sue stesse opere, arrivando addirittura a sfruttare alcune tele come tavoli sui quali mangiare, essendo ormai ogni angolo della sua casa occupato. Opere le sue che hanno una caratteristica importante: il colore vivo, caldo e non monotono. Una tavolozza variegata e luminosa quella dell’attore, e tecniche e soggetti non insoliti ma nemmeno tanto comuni.

I NEEDED COLOR - Jim Carrey
I NEEDED COLOR – Jim Carrey

L’artista, perché di artista si sta parlando in questo caso, predilige figure umane, volti ritratti mediante l’uso di pennellate corpose, veloci ed imprecise, anch’esse in grado di raccontare la vivacità e la volontà espressiva di colui che tiene in mano il pennello. Sempre Carrey, continuando il suo racconto, ricorda di un pomeriggio newyorkese, freddo e grigio, un pomeriggio che lo condusse ad urlare la sua esigenza di colori, da cui deriva I NEEDED COLOR, titolo del documentario che ha avuto notevole successo negli ultimi tempi.

Interamente girato nello studio di New York dove Carrey continua ancora oggi a dipingere e scolpire, qui è possibile entrare in diretto contatto con l’atto creativo dell’artista, il quale ispirandosi ad alcuni dei più significativi rappresentanti dell’epoca contemporanea quali: Wharol, Obey ed altri, sfrutta una tecnica interessante che prevede la stesura di uno strato di vernice fresca su un’opera ormai già asciutta. Il passo successivo prevede la raschiatura della superficie così da ottenere un effetto dettato dalle varie colorazioni che si mescolano e sovrappongono tra di esse.

Le opere e dunque il contenuto di questo documentario hanno dimostrato come il mondo dello spettacolo, ancor più quello americano, spesso costruisca nel vero senso della parola dei personaggi, che in realtà dietro la macchina da presa sono completamente l’opposto di ciò che invece danno a vedere. Lo dimostra anche il senso che Carrey dà alle sue opere, le quali sono ritenute strumenti di liberazione, di evasione ed esorcismo da quella sofferenza e dolore che chiunque si trova ad affrontare per cause differenti, e che o è costretto a sopprimere nel proprio animo, oppure, come in questo caso, combatte con un pennello come spada ed una tavolozza come scudo. Un personaggio erroneamente definito bizzarro, restituisce invece un artista giustamente definito tale.

 

Vincenzo Morrone

 

fonti: theguardian, gospelherald

Commenti

Commenti