Home America Centro e Sud America I braccialetti portafortuna tra origine e tradizione

I braccialetti portafortuna tra origine e tradizione

112985

I braccialetti portafortuna sono un oggetto che chiunque ha indossato almeno una volta nella vita, fin da bambini. Si comprano di solito sulle spiagge, come ricordo di un’estate ormai terminata. Sottili filamenti di cotone che si legano al polso, che nascondono dietro la loro semplicità un segreto ben più grande.

“Aspetta e spera”: le credenze dietro questo fenomeno

braccialetti

Essi sono considerati un simbolo di speranza per molte persone. Prima di indossarli, infatti, si esprime un desiderio. Le credenze dicono che esso si esaudirà solo nel momento in cui il braccialetto si spezzerà da solo, o, con il passare del tempo, si scioglierà.

A volte capita che rimangano attaccati al polso per anni, e con il trascorrere di essi, molti avranno anche dimenticato il desiderio espresso o avranno provveduto da sé, senza affidarsi troppo alla scaramanzia.

La tradizione parte dai brasiliani, che credevano davvero in un potere mistico che veniva trasferito dalla mente all’oggetto. La forza del desiderio sarebbe stata trasmessa all’accessorio che, mandando un messaggio all’universo, avrebbe portato una soluzione al problema che da tempo si cercava o avrebbe presentato avanti agli occhi ciò che si era espressamente chiesto.

La realizzazione e i significati dei braccialetti

braccialetti

La realizzazione è facile e manuale. Alcune persone li realizzano anche in casa, come piccolo lavoretto Fai-da-te. Bisogna prendere i fili dei diversi colori scelti, e legarli insieme, facendo un nodo alle estremità. Più fili ci sono, più spesso sarà il bracciale.

Il colore che si trova alla base, sarà quello riguardante la sfera del desiderio. Il primo filo colorato, tenuto con la mano destra, andrà avvolto in senso orario intorno ai restanti tenuti dalla mano sinistra. Quando il primo centimetro del colore desiderato sarà realizzato, si passerà ad un altro colore, fino al completamento dell’opera.

Come anticipato, ad ogni colore utilizzato corrisponde una sfera semantica del desiderio espresso.

  • Rosso: ambito amoroso;
  • Verde: ambito della speranza;
  • Azzurro: ambito lavorativo ed economico;
  • Giallo: ambito della fortuna;
  • Viola: ambito della pace;
  • Bianco: ambito della libertà.

Il nastrino di Bonfim

braccialetti
I nastrini di Bonfim

Un antenato dei nostri braccialetti suddetti, è il “nastrino di Bonfim“.

Nel 1740 Theodosio Rodriguez de Faria, un viaggiatore portoghese, fece portare in Brasile un’immagine di Gesù, chiamata “signore do Bonfim”. Circa settant’anni dopo, diventa popolare fra la gente locale un souvenir: un nastro colorato lungo quanto la lunghezza del braccio destro dell’immagine venerata, ovvero 47 cm. Da qui prende il nome di “medida do Bonfim”, tradotto “misura del Bonfim”.

Come per i braccialetti di cotone, la tradizione vuole che il nastro venga legato al polso da parte di un’altra persona, fissato con 3 nodi. A differenza degli altri, ad ogni nodo corrisponde un desiderio, che si dovrebbe avverare nel momento in cui questi nodi si sciolgono. Ogni colore del nastro è collegato ad una delle divinità delle religioni afroamericane, gli Orixà.

  • Bianco per la salute;
  • Arancione per la felicità;
  • Blu per la prosperità;
  • Rosso per l’amore;
  • Verde per il lavoro;
  • Giallo per l’equilibrio.

Al giorno d’oggi hanno un valore prettamente religioso per quei popoli. Vengono utilizzati, infatti, durante la celebrazione della festa del Santo Oxalà, e si indossano a scopo protettivo come amuleti in grado di proteggere da ogni male.

Nella cerimonia, una volta indossati, occorre fare tre nodi concentrandosi su una richiesta da fare al Santo, promettendogli un dono all’esaudimento di essa. Una volta ottenuto ciò che si desidera, è tradizione mantenere fede al proprio voto onorando l’entità.

Questi braccialetti sono, quindi, un modo per tenere viva la speranza nei cuori di grandi  e piccini. Perché, come diceva Emily Dickinson:

«La speranza è qualcosa con le ali, che dimora nell’anima e canta la melodia senza parole, e non si ferma mai»

Ilaria Guardasole

Fonti:

  • http://www.donna10.it/braccialetti-brasiliani-portafortuna-significato-e-tendenze.html
  • http://ilcrogiuolo.it/84/panni-cerimoniali-panni-rituali-e-nastri/1339/fita-nastro-senhor-do-bonfim-da-bahia-color-rosso.html

Commenti

Commenti

CONDIVIDI