Home Musica Musica anni 2000 Serpentine Dominion: collaborazione tra fisher e dutkiewicz

Serpentine Dominion: collaborazione tra fisher e dutkiewicz

2140
Serpentine Dominion

Nel panorama musicale odierno, che, come sappiamo, è sempre in pieno fermento, le collaborazioni occupano un posto molto particolare. L’arte, nel senso più generico del termine, spesso e volentieri tende a rinnovarsi proprio attraverso l’incontro, o lo scontro, di menti creative, che andranno a generare qualcosa di diverso, qualcosa di mai visto (o udito, nel nostro caso) prima, andando così ad innovare il loro settore. I Serpentine Dominion rappresentano proprio questo: una collaborazione tra artisti appartenenti a generi musicali diversi, all’apparenza inconciliabili, ma che già suscita la nostra curiosità

Serpentine Dominion: quando due generi si uniscono

Serpentine Dominion

I Serpentine Dominion sono un side project creato da Adam Dutkiewicz, chitarrista e produttore dei Killiswitch Engage, band che ha definito letteralmente gli standard del metalcore, insieme a George Corpsegrinder Fisher, cantante dei Cannibal Corpse, una delle istituzioni del brutal death metal. Già solo a sentire l’accostamento dei nomi di due band così diverse fa inarcare più di un sopracciglio, e suscita non poche domande: come sarà possibile far convivere l’estro di artisti così diversi tra loro? Quale sarà il taglio che prenderà il progetto? Quale sound verrà adottato dalla band? Come possono le linee melodiche del metalcore convivere con il cantato gutturale del brutal death metal?

Inutile sottolineare come, a molte di queste domande, solo il tempo possa dare le opportune risposte, ma lo stesso Adam D. ci da alcune delucidazioni. Secondo quanto riportato dal portale metalitalia.com, il chitarrista avrebbe gettato le basi dei Serpentine Dominion nel 2013, chiedendo a George Fisher e a Shannon Lucas, batterista dei Black Dahlia Murder, di unirse al suo progetto extreme metal. Dutkiewicz afferma: “Una sera ero in giro con George e gli faccio: ‘Senti, ma se ti scrivessi un po’ di pezzi su cui cantare, lo faresti?’. E lui risponde: ‘C***o, sì!‘”

Brutal e Metalcore: è possibile una convivenza?

L’aspetto su cui in molti si staranno interrogando riguarda proprio la provenienza artistica dei vari musicisti che andranno a comporre i Serpentine Dominion: quale sarà il punto di incontro, ammesso che ce ne sia uno, tra le melodie del metalcore, che da sempre contraddistinguono le composizioni di Adam D., e le ritmiche serrate, contorte ed intransigenti a cui i Cannibal Corpse ci hanno abituato? Senza considerare anche le influenze artistiche, ancora una volta diverse, di Shannon Lucas. Inutile dire che le aspettative sul materiale della band, grazie anche al calibro degli artisti coinvolti, sia già altissimo, ed è possibile già affermare una cosa: il disco che ne uscirà fuori sarà un capolavoro, o qualcosa di diametralmente opposto.

Serpentine DominionLo stesso Dutkiewicz fornisce ulteriori dettagli sulle influenze che andranno a caratterizzare questo suo nuovo progetto, affermando che i brani della band: “Sono scritti specificamente per George. E’ uno dei miei cantanti preferiti di sempre e ho pensato che non ci sarebbero stati problemi, almeno a chiedergli se fosse interessato alla cosa. Dopo che ha accettato, mi sono detto: ‘Andiamo!’.
[La musica] non è puro death metal – ci sono degli elementi melodici, ma è molto più veloce e aggressivo dei KILLSWITCH. E le batterie sono fulminee, quindi Shannon è probabilmente uno dei pochi sulla faccia della terra che potrebbero suonare questa roba.

Nonostante queste affermazioni, la curiosità ancora tanta, e chiunque voglia saperne di più dovrà per forza di cose attendere il prossimo 11 Agosto, data in cui i Serpentine Dominion pubblicheranno i loro primi lavori. Spesso le più grandi rivoluzioni della musica sono avvenute attraverso la fusione di generi a prima vista inconciliabili, chi ama il metal dovrebbe saperlo meglio di chiunque altro. Proprio per questa ragione, attendiamo con ansia nuove notizie da parte di Adam D. e soci, sicuri del fatto che sapranno stupirci.

 

Claudio Albero

Commenti

Commenti

CONDIVIDI