Home Cultura pop Web e videogiochi Pericoli di Internet: convegno alla Federico II

Pericoli di Internet: convegno alla Federico II

1691
pericoli di intenet

I pericoli di Internet e il progetto Rete Sicura

Lo scorso 20 novembre si è tenuto presso l’Aula Pessina della sede Centrale della Federico II di Napoli, situata in via Corso Umberto, un interessante progetto accademico, dibattuto a contatto con gli studenti universitari e sviluppatosi nel convegno “I pericoli di Internet” nell’ambito del Tema Operativo Distrettuale (TOD) e “Rete sicura” dell’Associazione “Leo”. La tematica riguardava la rete e il web social, come luoghi non sicuri e i pericoli che ne conseguono.

pericoli di Internet
I pericoli di Internet e il progetto Rete Sicura

Il convegno è stato organizzato dal dottor Maurizio Barbato, delegato TOD per il Leo club di Nola “Giordano Bruno” e hanno preso parte al dibattito, partecipando come relatori e collaboratori, il docente universitario di Diritto Penale della Federico II, Carlo Longobardo, che ha trattato l’argomento dal punto di vista giuridico e del diritto penale; il commissario Capo della polizia postale di Napoli, Riccardo Croce, che è intervenuto ponendo l’attenzione sull’intervento operativo della polizia postale circa i pericoli di Internet; l’esperto di Sicurezza Informatica, l’ingegnere Gennaro Auriemma, che si è soffermato sui pericoli del web; la psicologa, Annalisa Colucci, che ha affrontato il tema della dipendenza dai social e i problemi del cyberbullismo; e per finire, l’Onorevole Giovanni Palladino della Camera dei Deputati, è intervenuto circa l’impegno nel settore da parte delle Istituzioni. Moderatore  del convegno è stato il dottor Ettore Nardi.

pericoli di internet
La Federico II di Napoli presenta il Convegno “I Pericoli di Internet”

I pericoli e i crimini su Internet

Il mondo del web, e quindi di Internet, rappresenta lo spazio giusto e sempre più propenso per l’aumento e la diffusione di crimini nel “digital frame” (rete), poiché lo schermo copre l’identità del singolo e il senso di sicurezza è maggiore. Violazione di copyright, diffusione di materiale pedo-pornografico, clonazione di carte ci credito (carding), furto di dati sensibili (phishing) sono sempre maggiori e tali dati registrati dimostrano che, sia la criminalità organizzata mondiale che il terrorismo estremista, utilizzano i social e il mondo di Internet (piattaforme, network e social come Facebook, Twitter, siti e blog personali) per incrementare, nel primo caso, i propri traffici commerciali di narcotici e armi, nel secondo caso, per reclutare “adepti” per il loro “credo” e per essere finanziati da sotto-reti, spostamenti di denaro e dati virtuali di cui non resta alcuna traccia.

pericoli di Internet
Data Breach

Diritto penale, Internet e Psicologia di prevenzione dai pericoli del web

Censura, controllo monitorato e blocco di siti web sono alcune delle misure e le norme di prevenzione adottate di recente dalla pubblica amministrazione per salvaguardare i crimini e i pericoli di Internet. Sebbene tali norme portano a limitare la libertà e la privacy personale dell’account di un singolo o individuo, la pubblica amministrazione ritiene necessario l’aumento del controllo del web (spazi personali ect..) e dell’aumento del diritto penale.

Il mondo digitale e il web, se usati in modo corretto, hanno contribuito ad “abbattere le distanze e le lunghezze”, permettendo attraverso l’Instant Messaging di comunicare con ogni angolo del globo (fattore di insostituibile importanza e progresso per le telecomunicazioni, per il mondo del commercio e affini). Il mondo social, però, consta di un lato pericolosissimo e rischioso. Numerosi e sempre più grandi sono i pericoli di Internet, spazio virtuale in cui si espone la propria vita e la propria identità, talvolta, in modo eccessivo ed imprudente.

pericoli di Internet
Associazione LEO CLUB

Furti di dati e mail personali, account clonati fino a vere e proprie identità rubate sono soltanto alcuni dei crimini di cui si può essere vittima; Contribuisce a questi rischi in modo controproducente la dipendenza che il web e i social creano nei singoli soggetti. L’IAD  (Internet Addiction Disorder) diventa una vera patologia, che negli ultimi anni sta dilagando e che vede i soggetti coinvolti perdere sempre più spesso il contatto con la realtà e costruire, quella che gli informatici chiamano, Second Life o Virtual Identity. Tali soggetti sono molto spesso inconsapevolmente destinati ad isolarsi ed auto-convincersi che la seconda vita è quella reale.

L’IAD può indurre a sintomi che sfuggono al controllo dell’uomo: paranoie, disturbi del sonno, panico e allucinazioni. La Sindrome Hikikomori nasce in contesti simili, i pericoli di Intenet, e si diffonde in modo endemico in paesi tecnologicamente molto avanzati ma con una rigida etica morale (Corea, Giappone, Asia dell’est). La sindrome Hikikomori porta i soggetti, che ne soffrono, a chiudersi nelle proprie stanze per mesi e mesi: non si conosce una percentuale statistica precisa ma la “malattia digitale” è in aumento. Nei paesi occidentali dilaga come forma di alienazione del mondo circostante e dal mondo reale, portando spesso alla comparsa di paure e ansie prima impensabili. Potrebbe bastare una rieducazione psicologia per denigrare l’IAD?

pericoli di Internet
Convegno “I pericoli di Internet”

Di certo, sarebbe fondamentale il processo normativo applicabile dalla pubblica amministrazione, un controllo serrato da parte della polizia  e della sicurezza informatica, tutori legali in caso di minorenni, supporto psicologico in casi estremi e, soprattutto, è indispensabile la conoscenza diretta e l’informazione pura,  che deve raggiungere ogni classe sociale, ogni età e ogni generazione per prevenire, quanto meno, i pericoli di Internet.

Valentina Labattaglia

Link di riferimento

Ringraziamo Andrea Raiola per il contributo di parte del materiale di cosultazione

Commenti

Commenti