Home Medicina Salute Alimentazione: mangia di più chi dorme meno

Alimentazione: mangia di più chi dorme meno

1710
alimentazione

La discussione sui parametri che influenzano l’assunzione di cibo continua a rimanere più infiammata che mai. Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Health Psycology afferma che il cattivo sonno, disturbato, insufficiente o interrotto, pare sia uno dei fattori che spingono ad un alimentazione con maggiore consumo di cibo, spesso portandolo a livelli smodati. Un comportamento che a lungo andare, diventando cronico, può risultare problematico sia per gli adulti che per i bambini.

 

La ricerca cerca di dimostrare perché, e soprattutto come, una cattiva qualità del sonno possa influenzare le abitudini ed il comportamento per quanto riguarda l’ alimentazione. Tutti ben sanno quanto dormire poco o dormire male influenzi la nostra capacità di svolgere gli impegni del giorno seguente, limitandoci e rallentandoci nel nostro agire quotidiano. È invece poco risaputo l’effetto che ciò può avere sulla nostra fame, e di conseguenza sulla alimentazione.

 L’ alimentazione è influenzata dalla qualità del sonno

Alyssa Lundhal e Timothy Nelson, ricercatori provenienti dall’University of Nebraska-Lincoln, sono partiti dalla premessa che il consumo di cibo e la scorretta alimentazione influenzino problemi cronici della salute come l’obesità, il diabete ed i disturbi cardiaci (spesso infatti la dieta è una prevenzione per queste ed altre problematiche). Capire quindi i meccanismi che correlano il bisogno di mangiare alla qualità del sonno può aiutare la prevenzione delle malattie succitate.

 

alimentazione
Alessia Lundhal

Il bisogno di cibo è connesso a diversi fattori, biologici, emozionali, cognitivi ed ambientali. Si è infatti evoluto come comportamento istintuale, in maniera che quando si percepisce lo stimolo, si vada alla ricerca di fonti energetiche. Nella società moderna, che offre cibo in surplus e spesso di cattiva qualità, una dieta precisa e ragionata rappresenta l’arma migliore per combattere diversi disturbi connessi all’ alimentazione.

 

La ricerca condotta da Lundhal e Nelson dimostra come questi meccanismi sono influenzati profondamente dalla qualità del sonno: una nottataccia spesso porta ad una produzione ormonale, e gli ormoni che stimolano e regolano l’appetito (cortisolo, grelina, leptina) sono correlati al livello di stress percepito. Il bisogno di cibo aumenta, e quindi si mangerà di più, e soprattutto, più impulsivamente, il giorno successivo.

 Risvolti della ricerca sulla scienza dell’ alimentazione

alimentazione
David Marks

L’editore del Journal of Health Psycology, il dottor David Marks, sottolinea l’importanza dello studio presentato dai ricercatori statunitensi: il sonno sarà un fattore maggiormente considerato, vista la sue implicazioni su diversi parametri delle condizioni di salute. Soprattutto i dietologi dovranno tenerne conto, spiegando ai pazienti che l’appetito ed il bisogno di cibo può risentire degli effetti di una buona dormita, migliorando quindi la nostra alimentazione. Non è solo la quantità, ma anche la qualità del cibo a risentirne. Gli ormoni infatti regolano anche il grado di impulsività nel mangiare e nell’assumere determinati alimenti, spesso poco salutari. È importante quindi che persone che soffrono di insonnia o in generale che hanno l’abitudine di dormire poco conoscano i risultati di questo studio.

 

Lorenzo Di Meglio

Sitografia

http://hpq.sagepub.com/content/20/6/794

Commenti

Commenti