Home Antica Grecia Mitologia greca I Titani contro gli Dei dell’Olimpo: la conquista del potere

I Titani contro gli Dei dell’Olimpo: la conquista del potere

4186
i titani

Nella mitologia greca i Titani sono i figli di Gea, la Terra, e di Urano, il Cielo. La leggenda racconta della lotta contro Zeus e i suoi fratelli divini.

L’origine del mondo: Titani e dei dell’Olimpo

La più antica leggenda della mitologia greca racconta di come il mondo ebbe origine dal caos primordiale e di come la Nascita di ogni cosa sia stata accompagnata da catastrofi, rigenerazioni, rischi e rinascite mitologiche. Tra i primi, il sommo Ovidio citò nelle Metamorfosi l’origine del tutto e chiese prova del materiale originario da cui proveniamo, noi semplici uomini e loro gli antichissimi dei.

La mitologia greca racconta della leggendaria storia e delle innumerevoli unioni tra Gea, la Terra, e Urano, il Cielo, primus che fecondò il ventre della sorella e coniuge Terra per dare origine alla vita, generando specie diverse, tra cui si ricordano i Giganti, i Ciclopi e i Titani. Appartengono alla prole primordiale anche tre singolari esseri dotati di caratteristiche fisiche decisamente non comuni; disponevano infatti di cinquanta teste e cento braccia ciascuno.

Si narra che i loro nomi fossero Cotto, Briareo e Gie, esseri mitologici, generati da Urano che si allearono con Zeus, re degli dei dell’Olimpo, durante la lotta contro i Titani per la conquista del potere assoluto sul mondo.

I Centimani, figli di Urano e Gea

Titanomachia

Lo scontro perdurava da oltre due lustri e vedeva divise due fazioni: gli dei ancestrali, arroccati in difesa sull’Otri, monte della lontana terra di Tessaglia, e Zeus con tutti i suoi fedeli e forti fratelli, signori dell’Olimpo, il monte dorato. Gea, la creatrice, la madre feconda e la Terra, consigliò al re degli dei di rivolgersi ai suoi strani figli, contribuendo a dirigere il loro favore la prima e più distruttiva guerra di tutti i secoli. Così i Centimani parteciparono allo scontro e gli dei di Zeus vinsero la guerra, scagliando imprigionati ed incatenati nelle viscere della terra i Titani, figli di Urano.

Infossati in un luogo tenebroso, noto in tutti i racconti e i libri di mitologia come il Tartaro, dimensione profonda e oscura tanto quanto chiara e limpida fosse il cielo, Poseidone, fratello alleato di Zeus, dio del mare e delle acque del mondo, si assicurò che i Titani restassero laggiù dimenticati, sigillando la dimensione con una porta di metallo e ponendovi come custodi, Cotto, Briareo e Gie.

Il Tartaro: lì dove giacciono i Titani

I Titani, guerrieri mostruosi furono sconfitti dai meno forti fratelli di Zeus. Un grande contribuito che aiutò gli dei olimpici contro i Titani di Urano venne dal dio Pan, il quale fece scappare via dal campo dell’ultima battaglia i pochi avversari che ancora resistevano, spaventandoli con un terribile urlo, generando una sensazione di angoscia e tormento che oggi viene chiamata panico, appunto derivante da pan. Il dio Pan generò la ritirata degli ultimi titani e conquistò l’ammirazione e il ringraziamento di Zeus.

Alcune leggende vogliono che il dio Pan sia figlio di Ermes ma altre versioni della mitologia, decisamente più credibili, lo collocano in un periodo più “antico”, probabilmente quello dei Titani e dell’origine degli dei. Pan, nell’iconografia classica, viene ancora oggi descritto come provvisto di corna e barba, corpo per metà divino e per metà caprino.

Il dio si tratteneva spesso in Arcadia, vivendo a stretto contatto con i pastori e i contadini, i filatori di seta e i cantastorie, facendo del bosco la sua casa e spiando tra gli alberi folti delle foreste le bellissime ninfe dei fiumi primordiali e le Menadi, fedeli di Dioniso.

titani

Amante, di solito, della pace e delle lunghe passeggiate a contatto con la natura, Pan era dotato di grande disponibilità e armonia, benevolenza e concordia ma le sue qualità non furono mai pienamente soddisfacenti per renderlo degno di essere ammesso ufficialmente accolto nel consenso olimpico.

Tra le sue risorse, la sua rozzezza e primitività o la sua natura pacifica non lo rendevano idoneo ai giochi di potere e alla conquista del comando. Così nemmeno nella prima campale battaglia tra gli dei e i Titani, il suo contributo fu soddisfacente per renderlo membro onorario dell’Olimpo.

L’ora di Pan

Bionda fanciulla ardente,

che al fiume sollevi l’acqua

ed in essa rispecchi mille volti

Rinfresca la mia corsa,

dardeggia il tuo sguardo.

Le tue guance traspariscono al sole

le tue labbra cantano

Il giallo azzurro dei tuoi occhi

rivela la felicità

 

Il fuoco del sole

accende il tuo seno,

le tue mani danzano con i fiori,

il tuo corpo si scioglie

fra le braccia del sole.

L’acqua scorre sulla tua pelle,

fa nascere i fiori delle stelle.

 

Corrono frementi le gambe.

Si slanciano le braccia aperte al vento.

Il piacere folle della corsa

anticipa la foga dell’amplesso

 

Le tue dita fra le mie dita.

Il tuo sguardo sul mio sguardo.

Il tuo riso nel mio riso.

Ardenti le labbra suggellino

ciò che ancora sembrava separato

 

Vola la ninfa nello spazio azzurro,

scorre fra i mondi,

fa stordire i pianeti.

La rincorrono le comete amanti,

per lodare Dio nel suo grembo

 

Le mie dita ardenti sul tuo volto

Tremule e timide.

Audaci e feconde.

Ascoltano il tuo tema.

Parlano con i tuoi occhi.

Sognano la tua pelle, la tua anima.

 

Vola il dio fra i cespugli, fra gli alberi

Vola sulle sabbie infuocate.

Vola fra i pensieri, fra le emozioni.

Non sai da dove arriva,

non sai dov’è.

Accoglilo, o fanciulla divina,

in ogni momento aperta e pronta,

in ogni momento felice e libera.

Intrattienilo,

amalo,

fino a volare con lui.

 

Incalza il sole sulla mia pelle.

Incalza il dio nel mio petto.

Turbina il vento focoso

canta il fiume che scende dal cielo

 

Aprimi le tue rosee braccia,

il tuo ventre azzurro.

Porgimi le tue rosse labbra succose.

Ci unirà il dio

in un impeto d’amore

Ci unirà il dio

nell’estasi

Abiteremo i cieli,

vivremo felicità senza nome

Pan

Gloria sia al dio Pan

ardore dei meriggi,

testimone dei fuochi delle stelle

Impeti immensi fomenti ed insegui senza tregua

Canti e spasimi d’amore fai sentire a tutti gli esseri

Cresce il calore immenso

Leoni e tigri albeggiano in noi

per saltare oltre l’ego.

(Eros Dioniso)

Valentina Labattaglia

Bibliografia:

A. CERINOTTI, Atlante dei Miti dell’antica Grecia e di Roma antica, Demetra editrice, Verona 1998

Fonte Poesia:

Commenti

Commenti