I Masai: chi sono, dove vivono, la cultura

0
1267
guerriero masai

La tribù dei Masai è una delle più conosciute in tutto il mondo per le sue danze, i suoi guerrieri e le sue vesti a quadri rossi.

Chi sono i Masai?

Secondo la mitologia Masai, questa comunità fu creata dal dio Enkai per servire come pastori su tutto il bestiame esistente nel mondo. Per molto tempo, i Masai si consideravano proprietari di tutto il gregge della terra. Questa era una causa comune di conflitti con altre comunità vicine.

In passato i Masai erano guerrieri molto temuti. Essendo in media le persone più alte del pianeta, erano particolarmente coraggiosi, ed è così che si guadagnarono un posto in queste terre quando migrarono dall’odierno Sud Sudan.

È un popolo di pastori e fieri guerrieri nomadi, che hanno rifiutato di abbandonare il loro stile di vita tradizionale. Però, la creazione di confini e limiti territoriali imposti ha costretto alcuni cambiamenti nel loro stile di vita, anche se non così drastici come nel caso di altri popoli nomadi. Si stima che i Masai siano circa 883.000. Sebbene la loro vita ruoti attorno al bestiame, molti di loro hanno altri lavori e professioni, vivendo con assoluto rispetto per le loro tradizioni. Ci sono molti uomini Masai che lavorano nei villaggi vicini, o che si dedicano ad essere guide safari.

Una minaccia per i Masai viene dai cacciatori nella regione di Loliondo, nel nord della Tanzania. Lì, le autorità hanno bruciato i villaggi Masai e migliaia di loro abitanti sono stati brutalmente evacuati per garantire un maggiore accesso ai territori di caccia a una società, la Otterlo Business Corporation Ltd (OBC).

Aspetto fisico

Fino alla metà del XX secolo i Masai si vestivano con pellicce, ma da quando è arrivato il cotone si vestono con un panno avvolto intorno al corpo chiamato Shuka, il colore di questo varia a seconda dell’età e del ruolo nel clan.

Alle donne piacciono gli ornamenti e sono anche un simbolo di prosperità. In passato venivano usati argilla, avorio e ossa, ma da quando arrivarono gli inglesi le perle sono fatte di vetro e di plastica. Ogni colore che usano ha un significato: bianco quello della pace, blu dell’acqua e rosso del coraggio.

donne masai

Gli uomini di solito si radono la testa, e gli unici che possono avere i capelli lunghi e intrecciati sono quelli accettati come guerrieri. Tendono anche ad allungarsi il lobo delle orecchie e farsi diversi piercing; in precedenza un lobo allungato significava saggezza, ma oggi, come molti Masai interagiscono o lavorano nelle città vicine, questa tradizione sta scomparendo.

Dove vivono i Masai?

I Masai si trovano nel sud del Kenya e nel nord della Tanzania. Il villaggio dei Masai è chiamato boma, enkang o kraak, a seconda della zona, e ha una forma circolare. Si tratta di un insieme di capanne costruite con adobe, letame e rami chiamati ‘manyattas‘ e disposti in cerchio con lo scopo di proteggere l’interno dai predatori. Queste case sono recintate da una seconda barriera, che consiste in un recinto di acacia pieno di spine per prevenire l’attacco di leoni e altri animali selvatici e l’uscita del bestiame.

Le case sono molto piccole e all’interno c’è un posto per accendere il fuoco e riscaldarsi nelle notti fredde. Di solito ci sono due posti “più alti” dove dormono  i genitori, mentre i bambini dormono su una coperta sul pavimento.

La società Masai

La struttura sociale dei Masai è organizzata gerarchicamente, ma non esiste esattamente un capo della tribù. Oltre ai clan, che oggi sono divisi in dodici, ci sono anche i guerrieri o morane, capi famiglia e anziani (leader politici o religiosi). Ognuna di queste classi ha diritti e doveri specifici, che nel caso dei guerrieri variano a seconda dell’età dei giovani. Le loro fasi vitali, per così dire, sono quattro: vanno dall’infanzia, passano a un guerriero minore e poi a un guerriero anziano per finire adulti.

A 16 anni i ragazzi Masai subiscono la cerimonia di passaggio all’età adulta che include la circoncisione come simbolo di appartenenza e forza, e con la quale diventano guerrieri per alcuni anni. Secondo la tradizione, per diventare un guerriero adulto, il giovane Masai doveva cacciare un leone a mani nude come prova di virilità. Un rito di passaggio che, attualmente, grazie alla protezione dei leoni, la cui popolazione è a rischio di estinzione, e al profondo rispetto per la natura dei Masai, è diventato una celebrazione simulata. Anche molti guerrieri Masai sono diventati guardiani e protettori di questi animali; grazie a iniziative come Lion Guardians.

Per quanto riguarda le donne Masai, passano anche attraverso una cerimonia di iniziazione che include la circoncisione femminile. È normale che il loro futuro matrimonio sia concordato dai loro genitori fin dalla giovane età, ma dal rito di iniziazione sono autorizzati a relazionarsi con i giovani guerrieri che desiderano. Anche se può sembrare il contrario, la società Masai è molto aperta a questo proposito, la promiscuità femminile e maschile non è più disapprovata. Come accade normalmente nelle tribù africane, le donne sono responsabili della costruzione delle manyattas, della cura dei più piccoli, del cibo e creano anche ornamenti.

Come in quasi tutte le tribù africane, la poligamia è una pratica comune nella tribù dei Masai. Nei matrimoni vi è spesso una grande differenze di età, uomini settantenni con ragazze di dodici, in cambio del pagamento di una dote di bestiame: due o tre mucche o qualche decina di capre.

Allevamento e alimentazione dei Masai

La sopravvivenza di questo popolo dipende dalla salute e dalla forza dei loro animali; da loro ottengono il latte per il consumo e gli escrementi con cui coprono le capanne. La ricchezza per i Masai si misura in bestiame. Raramente uccidono il bestiame per il cibo, tranne occasionalmente qualche pecora o capre. Tuttavia, quando lo fanno, non sprecano nulla. Le corna sono usate come contenitori, con zoccoli e ossa fanno ornamenti, con la pelle fanno scarpe, vestiti e corde.

A volte, gli uomini trascorrono intere giornate fuori casa alla ricerca dei migliori luoghi di pascolo per i loro animali. Questi viaggi diventano un’avventura per il pastore Masai, poiché devono dimostrare la loro esperienza, competenza e conoscenza del territorio e degli animali che lo abitano. L’ufficio di pastore inizia molto presto, alla tenera età di cinque anni quando iniziano ad aiutare con gli animali.

Le mucche sono sacre e, quindi, lo sono anche la loro terra e tutti gli altri elementi che riguardano il loro bestiame. Il bestiame fornisce ai Masai tutte le necessità: latte, sangue e carne per la loro dieta (producono una specie di yogurt fermentando il latte con sangue animale). I Masai si nutrono principalmente di latte, burro, sangue, miele e carne. Secondo la loro tradizione, non dovrebbero mangiare latte e sangue allo stesso tempo, poiché è vietato nutrirsi, allo stesso tempo, di un animale vivo e di un animale morto.

I Masai non mangiano frutta o verdura e si nutrono quasi esclusivamente di ciò che il loro gregge fornisce. Oggi, con l’avanzamento del turismo e del lavoro nei villaggi, i Masai possono acquistare riso.

La cultura Masai

Masai significa “colui che parla la lingua Olmaa in swahili, cioè “coloro che possiedono una lingua comune”. Uno dei principi fondamentali di questo popolo è quello di trasmettere, di generazione in generazione, tutte le conoscenze acquisite dagli anziani ai più giovani. Un sistema comunitario in cui si impara a conoscere piante, animali, costumi, storia e le origini del popolo. Questa conoscenza viene trasmessa oralmente attraverso leggende, preghiere, proverbi e racconti al fine di facilitarne l’apprendimento.

Una delle curiosità dei guerrieri Masai è il loro simbolismo della lancia. Se la punta è rivolta verso terra, può essere presa come una grande provocazione. Al contrario, un simbolo di pace è offrire una manciata di erba. A causa della loro tradizione zootecnica, i Masai dotano l’erba di un carattere sacro, poiché è il cibo del loro mezzo di sussistenza, il bestiame.

Parlano la lingua Masai, una lingua appartenente al gruppo delle lingue nilo-sahariane, ma usano lo swahili come lingua ufficiale. Tutti i capi della tribù parlano l’inglese.

I Masai non hanno bisogno di strumenti nelle loro cerimonie. Le loro potenti voci e cori fungono da strumenti musicali. Inoltre, le loro danze chiamate Maa sono famose; competono per vedere chi ottiene il salto più alto. Corpi rigidamente dritti, mani incollate ai lati, ginocchia unite e una manciata di erba fresca schiacciata sotto le ascelle. Possono continuare a ballare fino a quando tutti sono esausti. Di solito questa danza viene eseguita dai guerrieri del clan, ballano in cerchio saltando a turno. Lo scopo di questa danza è quello di infondere coraggio e si faceva molto prima delle battaglie o per celebrare eventi speciali.

Danza masai

Religione Masai

Il sistema di credenze Masai è monoteista. Il loro Dio principale si chiama Engai e ha una duplice natura: benevolo e vendicativo. La figura più importante nella religione Masai è il laibon, una sorta di sacerdote e sciamano, il cui ruolo include tradizionalmente la guarigione, la divinazione e la profezia. Nella società odierna, hanno anche una funzione politica, dal momento che la maggior parte dei Laibon appartiene al consiglio degli anziani. Oggi, tuttavia, molti Masai appartengono a diverse chiese cristiane.

Quando qualcuno muore, di solito non viene sepolto, viene lasciato nella savana affinché gli animali possano nutrirsi. Dopodiché, non si parla mai dei morti, e quando si vuole fare riferimento a loro, si usa un sinonimo o un soprannome. Anche se, a volte vengono sepolti i cadaveri di grandi persone in una tomba poco profonda, con la testa inclinata verso la casa, depositando vicino aala tomba un po’ d’erba, un bastone e sandali nuovi.

Fonti

I Masai – Massai Association

Maasai Tribe – masaimara.travel

Vedi anche

La mitologia africana e la creazione del mondo – La Cooltura