Home Cinema Serie TV Atypical: una serie TV davvero atipica

Atypical: una serie TV davvero atipica

164

Atypical è una serie televisiva statunitense, prodotta da Netflix che tratta le vicende di Sam Gardner, interpretato da Keir Gilchrist, un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger, una particolare forma di autismo.

La serie è composta da due stagioni, una formata da otto episodi ed un’altra da dieci.

Atypical
La Famiglia Gardner

La trama

La storia gira principalmente attorno alla vita della famiglia Gardner e alle avventure/disavventure di Sam, insieme a lui ci sono la sorella Casey che si trova spesso a dover rinunciare a vari aspetti della propria vita, per mettere in primo piano Sam, e i genitori dei due, Elsa e Doug.


Nel corso delle puntate Sam cercherà sempre di più di trovare la propria indipendenza, grazie all’aiuto del suo migliore amico Zahid, della sua psicologa Julia e della sua fidanzata Paige.

Sam insieme al suo amore profondo per i pinguini, i quali sono gli unici che riescono a tranquillizzarlo ed in cui trova conforto nei momenti di particolare stress, troverà pian piano, nel corso delle puntate, sempre più sicurezza in se stesso e in ciò che vorrà fare una volta finito il liceo, proiettandosi sempre di più nel mondo adulto.

Atypical non si concentra però solo sulla vita di Sem, nel corso degli episodi vengono introdotte e sviluppate varie sottotrame, più o meno importanti, riguardanti i principali membri della famiglia, come ad esempio il rapporto tra Elsa e Doug, che troverà il suo punto di rottura nella conclusione della prima stagione, punto di rottura che si svilupperà poi per tutta la stagione. Altra sottotrama importante è quella riguardante Casey e il suo difficile ruolo di secondogenita, oscurata dalla disabilità di Sam e dai suoi bisogni, la ragazza troverà uno sfogo importante nella corsa, che le permetterà di ottenere un’importante borsa di studio per un prestigioso liceo privato.

Atypical

Atypical e l’autismo

Uno dei principali scopi di Atypical è quello di informare, spiegare, e far capire, cosa  è l’autismo, cosa vuol dire essere autistici e come approcciarsi con una persona autistica.

Uno  dei messaggi fondamentali di Atypical è quello di far capire come l’autismo non debba essere un ostacolo per le relazioni, anzi, e questo è dimostrato in modo magistrale grazie all’amicizia tra Sam e Zahid, il migliore amico di Sam.
Zahid nel corso delle puntate dimostra un grande affetto nei confronti di Sam e lo aiuta, consigliandolo in tutte le situazioni, arrivando a dire in un episodio, che magari è lo stesso Sam ad essere normale, ma tutti gli altri un po’ strani.

Nella seconda stagione, verremo a conoscenza di altri ragazzi affetti d’autismo, e ci porterà a conoscere quindi le varie forme di questa malattia, portando quindi, lo scopo didattico di Atypical, ovvero quello di mostrarci cosa vuol dire essere autistici, ad un livello superiore, mostrandoci, con la solita ironia, il solito umorismo e soprattutto la leggerezza della serie, le varie forme di autismo presenti, e come approcciarsi a loro.

Atypical

Tipicamente atipica

Atypical è dunque una serie che grazie ad una perfetta amalgama di ironia, serietà, dolcezza e semplicità, riesce a spiegare l’autismo, insegnando a chi non conosceva la malattia, o non ci si era mai approcciato, cosa è e cosa vuol dire essere autistici, e soprattutto, mostra a tutti i ragazzi affetti d’autismo, che ci si può approcciare ai problemi comuni, e si possono affrontare tutte le problematiche che la vita ci pone.

Emanuele Buo

Commenti

Commenti