Home Cinema di Hollywood Cinema di Hollywood anni 2000 Mad Max VS Happy Feet: Miller torna agli Oscar

Mad Max VS Happy Feet: Miller torna agli Oscar

2724
mad max

George Miller approda a Hollywood con dieci nomination e un ritorno alle origini, al suo amato Mad Max, dopo una parentesi lunga circa trent’anni, potendo tra l’altro gloriarsi degli osanna sia del pubblico che di una grandissima parte della critica (meritati, per quel che riguarda chi scrive).

mad max

L’Oscar, George Miller, l’ha già vinto con “Happy Feet”: fu il miglior film d’animazione nel 2007. Ora, è più che altro per abitudinmad maxe collettiva che si citano i giudizi dell’Academy come garanzia di qualità: che sia brevemente reso onore a chi ha diretto il pinguino che balla il tiptap, e chiudiamola qui.

Mad Max

La forza di una trilogia retta da un personaggio è il personaggio stesso.

mad maxMax Rockatansky (nella prima trilogia interpretato da Mel Gibson) è un angelo caduto, un ex-brav’uomo che aveva moglie allegra e figlio piccolo e a cui è stato strappato via tutto nel primo capitolo della saga, “Interceptor” (1979). Si forma poi pienamente come l’eroe che gioca dalla parte dei buoni, non facendone parte, nel film successivo, “Interceptor – Il guerriero della strada” (1981).

Non si tratta di un orso dalla scorza dura e il cuore morbido: Max è davvero un elemento del tutto estraneo al mondo dei buoni, così come alla pietà per i nemici o a finali dimostrazioni di affetto per un’ultima inquadratura che intenerisce gli animi. Max è dispotico, scorbutico, violento. Quel che non gli riesce è essere anche egoista.mad max

Probabilmente tutto quello che lo tiene ancorato al bene è la parte più negativa e buia della sua mente: soprattutto il ricordo della sua famiglia e dell’alta considerazione che sua moglie aveva di lui come protettore e vendicatore degli innocenti, oltre poi al senso di colpa per aver indirettamente ucciso chi amava.

La chiave di interpretazione del personaggio è il nomignolo che gli viene affibbiato dal titolo originale, “Mad”. In italiano spesso viene tradotto semplicemente con pazzo, ma vuol dire di più.

mad max

Mad significa innanzitutto cieco di rabbia, furioso. Il Max ancora “sano” del primo capitolo paventa la follia di chi vive sulla strada, ma ancora non ne è vittima – né si può dire mad maxche dopo dia segni di una pazzia intesa come comportamento “insensato”. La follia che avvelena Max ha libero accesso alla sua mente solo insieme all’ira, solo dopo che l’unica barriera che poteva difenderlo, la famiglia, viene abbattuta.

La mia vita si spegne e la vista si oscura. Mi restano soltanto dei vaghi ricordi di un caos immane… i sogni infranti delle terre perdute. E l’ossessione di un uomo sempre in lotta. Max.

Era figlio dei tempi in cui il mondo viveva sotto il dominio dell’oro nero e i deserti brillavano per le fiamme delle gigantesche torri che estraevano il petrolio. Ora tutto è distrutto, scomparso.

mad max

Il quarto capitolo

Il quarto capitolo rappresenta una piccola rivoluzione all’interno della saga.

Ciò che era semplicemente bello e geniale nei primi film – l’ambientazione, l’idea del petrolio diventato letteralmente unica risorsa e unica merce di scambio, lo stile cyberpunk – diventa protagonista in “Mad Max: Fury Road” (2015).

mad max

L’inquadratura è quasi perennemente divisa orizzontalmente in due, mettendo in contrasto i colori volutamente finti e saturati di un deserto giallo-arancio e un cielo azzurro – per non parlare del filtro blu che, più che simulare, rappresenta simbolicamente la notte, portando ai massimi livelli una splendida estetica stramba e surreale.

mad max

Gli inseguimenti in auto tra le dune di sabbia dominano, la colonna sonora gasa, mad maxe l’azione, che copre tre quarti del film senza risultare confusionaria nemmeno per un attimo, è coinvolgente al punto da sfiancare lo spettatore.

L’eroina femminile, l’imperatrice Furiosa (Charlize Theron, che, con capelli rasati, fronte nera e una protesi al posto del braccio, è bella più che mai), è la vera protagonista, il vero cuore morale, il motore della vicenda, il personaggio che subisce l’evoluzione più vistosa. Tutto questo riesce a essere, pur nella semplicità della sua caratterizzazione da ribelle che cerca redenzione.

mad maxNotiamo a margine che il suo nome, da furious, ha un significato affine a quello di mad: estremamente irata e violenta. Ma nel pieno delle sue facoltà mentali: effettivamente si può dire che sia il cervello del gruppo.

E Mad Max?

Mad Max (qui Tom Hardy), se si può dire che Furiosa è il motore e il cervello, è dal canto suo l’esperienza della strada e la vendetta.

Subito in sintonia con l’imperatrice, le fa da supporto sia nelle intenzioni che nella pratica, avvicinandosi al ruolo del vecchio eroe che mad maxormai i destinatari del racconto conoscono bene e da cui si aspettano – anzi, a cui domandano – il suo tipico atteggiamento ruvido e sbrigativo.

Così diventa egli stesso la cornice di un’altra storia, a cui dà qualche tocco qui e lì perché vada nel verso giusto. Insomma, personalità consolidata, può permettersi di lasciare spazio non solo a un altro personaggio primario, ma anche a un cast iconico (Hugh Keays-Byrne e Nicholas Hoult, tanto per cominciare), a una trama che ha poco a che vedere con il suo passato ma che, fermandosi appena un attimo prima di accecare assordare e rintronare, come poco altro diverte.

mad max

Chiara Orefice

Commenti

Commenti

CONDIVIDI