Home Cinema di Hollywood Cinema di Hollywood anni 2000 Sex & Drugs & Rock & Roll: dallo slogan alla serie tv

Sex & Drugs & Rock & Roll: dallo slogan alla serie tv

2546

Amici del rock e vecchi nostalgici dei 70s, bentrovati. Sì, perché FX ha pensato a voi: dal luglio 2015, infatti, Sex & Drugs & Rock & Roll non è più solo lo slogan dei giorni che furono, dei tempi in cui la musica era il motore, la colonna sonora e lo specchio di una società sempre più contraddittoria, massificata e progressista. Oggi, invece, è anche il titolo della nuova serie tv creata e interpretata da Denis Leary (Rescue Me, The Amazing Spider Man) per FX.

Titolo quanto mai esaltante (lo stesso del celebre singolo di Ian Dury del 1977), che dà alla serie un colorito decisamente acceso e che, allo stesso tempo, rischia di farne fin dall’inizio un prodotto di nicchia destinato a un pubblico selezionato, che – per intenderci – si conforma a seconda dei gusti musicali che gli appartengono. Al di là di questo, però, Sex & Drugs & Rock & Roll dà il sospetto di poter affermarsi innanzitutto grazie alla vena di comicità che traspare fin da subito nei venti minuti della puntata pilota. Sorrisi e situazioni buffe che, parallelamente, si inseriscono in una trama tanto semplice quanto spessa.

https://youtu.be/UkdgJ_-Gg3Q

L’episodio pilota di Sex & Drugs & Rock & Roll

All’apertura di Sex & Drugs & Rock & Roll l’impressione è di trovarsi da tutt’altra parte men che meno di fronte allo schermo a guardare una serie tv. Con l’ausilio di filmati fittizi, ricreati alla perfezione grazia anche alla collaborazione di vere star del rock (es. Dave Grohl)Sex & Drugs & Rock & Roll, vengono ripercorsi i momenti di gloria della rockband The Heathens che, a causa dei trascorsi interni amorosi tra il frontman Johnny e le donne del resto del gruppo, si sciolse nello stesso giorno in cui fu rilasciato il loro primo album. La sequenza, in stile documentario, viene poi interrotta quando il tempo del racconto si sposta al presente, e precisamente in un bar, dove facciamo la conoscenza del vero protagonista della storia. Ormai cinquantenne e in preda ai soliti rimorsi coscienziosi di mezz’età, sfatto e stanco in volto quanto non nei capelli, Johnny Rock vive la vita come il drastico epilogo della carriera di una rockstar non più al passo coi tempi, surclassata dai nuovi miti della musica pop (il suo vecchio chitarrista ora suona per Lady Gaga) e abbandonata più al sesso e alla droga che non al rock and roll.

E a proposito di gentil sesso, sembra potrebbe essere proprio una donna a riportare la giusta chimica nella band. Come da luogo comune, infatti, Johnny Rock scopre (e incontra) sua figlia, ormai venticinquenne e probabilmente frutto di una scappatella con qualche groupie. Enorme talento canoro e fortemente determinata, Gigi intende usare la band (al completo) affinché possa definitivamente sfondare nel mondo della musica; scambio alquanto alla pari, perché permetterebbe al protagonista di ritornare finalmente in carreggiata nell’industria discografica, chissà, magari per un nuovo album targato The Heathens.

Sex & Drugs & Rock & Roll
Sex & Drugs & Rock & Roll – 1×01: il glorioso passato della rockband The Heathens e del suo frontman Johnny Rock.

Don’t Wanna Die Anonymous, il titolo dell’episodio pilota, concentra in sé la chiave essenziale attraverso cui rapportarsi al serial. Sex & Drugs & Rock & Roll, un fiume di ricordi per le vecchie generazioni e un paradiso sociale per le nuove, strizza gli occhi agli amanti del vintage, dei grandi concerti, delle chitarre spaccate e delle rockstar dannate, facendo intravedere la malinconia e la (triste) realtà di un salto generazionale fin troppo decisivo.

Sono (forse) passati i tempi di Woodstock, degli inni di vita, della musica d’autore, che ha fatto da sfondo a innumerevole traversie sociali e a momenti di grande senso civico. Sono (sicuramente) arrivati i tempi in cui conoscere il passato potrà finalmente dare quella marcia in più per organizzare il futuro. E poi, chissà, se una cosa tira l’altra, il lasso di tempo è poco per passare dai Nirvana alla Seattle degli anni ’90. Insomma, da un genere musicale al contesto che lo ha generato.

Nicola Puca

Fonte immagine in evidenza: www.hollywoodreporter.com

Commenti

Commenti

CONDIVIDI