Home Scienze Medicina Radiazioni: dannose o utili per la salute?

Radiazioni: dannose o utili per la salute?

986
radiazioni

Di che radiazioni parliamo?

radiazioni
Spettro delle radiazioni

Le radiazioni pericolose per la salute dell’uomo hanno una frequenza, e dunque un’energia, maggiore rispetto alle radiazioni visibili: esse vengono dette “radiazioni ionizzanti” poiché capaci di trasferire energia alla materia, ionizzandone i componenti atomici. Ciò può avere un effetto dannoso sul DNA poiché questa molecola è molto delicata e sensibile a perturbazioni fisiche e chimiche.
Le radiazioni ionizzanti sono essenzialmente i raggi gamma, i raggi X e i raggi ultravioletti ad alta frequenza.

Le conseguenze di un danno da radiazioni sono varie:

  • ustione attinica (eruzioni cutanee spesso molto gravi);
  • cancerogenesi (le radiazioni sono cancerogene);
  • gonadotossicità (danni agli organi genitali);
  • embriotossicità (danni all’embrione).

Le fonti di radiazioni possono essere rappresentate da materiali radioattivi, da sorgenti artificiali o naturali di raggi UV e da apparecchiature mediche.


Nonostante le radiazioni ionizzanti siano estremamente dannose, risultano preziosissime in ambito medico, sia in ambito diagnostico che terapeutico.

Diagnostica radiologica

radiografia
La prima radiografia della storia

La radiografia (talvolta abbreviato RX) ha rappresentato una rivoluzione nel campo della diagnostica medica poiché ha per la prima volta permesso di visualizzare in maniera chiara alcune porzioni del corpo umano in maniera non invasiva.

La prima radiografia della storia fu ottenuta dal fisico Wilhelm Roentgen nel 1895 chiedendo alla moglie di porre la mano tra una sorgente di raggi X e una lastra fotografica: l’immagine che ottenne rappresentava le componenti ossee della mano della moglie con sorprendente precisione.

La radiografia rappresenta ancora oggi la prima scelta per la diagnosi di traumi, infezioni, tumori eccetera in alcuni distretti corporei, come ad esempio lo scheletro, i polmoni e la mammella (la mammografia è una variante della radiografia).

TAC
Immagini TAC

La TAC o TC (tomografia assiale computerizzata) è una metodica più recente e sofisticata che ottiene immagini di sezioni corporee (vere e proprie “fette”) ed utilizza anch’essa raggi X, sebbene in dose molto maggiore rispetto alla radiografia. Essa permette una visualizzazione tridimensionale e più accurata della radiografia, fornendo un contributo fondamentale nella diagnosi di numerosissime patologie. Inoltre la sua velocità di esecuzione la rende adatta all’imaging d’urgenza nei pazienti gravi.
Per permettere una migliore visualizzazione delle aree di interesse è talvolta necessario iniettare in vena una sostanza detta mezzo di contrasto.

Il principio di base della radiologia è la diversa capacità dei tessuti di ostacolare il passaggio dei raggi X, quindi ciò che appare bianco alle immagini è dato da tessuti radiopachi che hanno bloccato i raggi (le ossa ad esempio) mentre le parti nere sono radiotrasparenti (come i polmoni).

Data la pericolosità dei raggi X queste metodiche diagnostiche vanno operate solo quando necessarie e cercando di attuare tutte le precauzioni radioprotezionistiche del caso. Da segnalare inoltre la potenziale pericolosità del mezzo di contrasto in soggetti predisposti alle reazioni allergiche o con funzionalità renale compromessa.

Non appartengono invece alla categoria delle indagini radiologiche l’ecografia (che usa ultrasuoni) e la risonanza magnetica (che usa campi magnetici): infatti, non usando radiazioni ionizzanti, queste due metodiche sono meno dannose per il paziente.

Medicina nucleare

Scintigrafia
Scintigrafia ossea

Mentre nella radiologia tradizionale le radiazioni vengono generate dall’esterno, nelle metodiche di medicina nucleare queste vengono prodotte all’interno del corpo da sostanze radioattive chiamate radiofarmaci.
Come traccianti per i radiofarmaci si usano isotopi radioattivi con nuclei molto pesanti come il 99m-Tecnezio, il 201-Tallio o il 123-Iodio.

Questi traccianti in particolare emettono raggi gamma e sono utilizzabili per metodiche come la scintigrafia e la SPECT che rilevano l’origine di tali radiazioni e permettono di indagare la funzionalità di diversi organi come la tiroide, le ossa, i surreni ed il cuore.

Altri tipi di radiofarmaci come il 18-Fluoro-Desossiglucosio oltre ad emettere raggi gamma emettono positroni e sono usati nella PET, una metodica molto utile nell’analisi dei tumori e nello studio della funzionalità cerebrale.

PET
PET cerebrale

Dopo l’assunzione dei radiofarmaci, il paziente è radioattivo quindi deve restare in ambiente protetto, evitando contatto con oggetti e persone sensibili fino alla riduzione della radioattività a livelli accettabili.

Radioterapia a fasci esterni

Radioterapia
Radioterapia a fasci esterni

Il potere distruttivo delle radiazioni ionizzanti può essere sfruttato per demolire i tumori attraverso una sorgente esterna di raggi X. Questa tecnica richiede una precisa localizzazione e ricostruzione tridimensionale del tumore, in modo da indirizzare il fascio di raggi X verso porzioni corporee ristrette, evitando il più possibile danni collaterali agli organi adiacenti.

La radioterapia a fasci esterni in alcuni casi permette da sola di eliminare il tumore, in altri casi può essere eseguita in associazione ad un’operazione chirurgica (per ridurre le dimensioni del tumore da asportare o per eliminare il residuo di malattia eventualmente rimasto dopo l’intervento).

In tempi recenti sono nati sistemi sempre più precisi ed automatizzati come il CyberKnife, che sfrutta un braccio robotico che colpisce il bersaglio con precisione chirurgica. Questa particolare tecnologia, molto costosa, è presente solo in 8 centri in Italia, tra i quali anche l’Istituto Nazionale Tumori G. Pascale di Napoli.

cyberknife
cyberknife

Brachiterapia

La brachiterapia consiste nell’inserimento di piccoli “semi” radioattivi (192-Iridio, 137-Cesio o 103-Palladio) in organi che ospitano lesioni cancerose. Questa metodica, usata ad esempio nel cancro della prostata, dell’utero, della mammella o della cute, permette di localizzare l’azione tossica delle radiazioni gamma nell’organo bersaglio senza danni ingenti agli altri distretti corporei.

Terapia Radiometabolica

Terapia radiometabolica
Terapia radiometabolica

Oltre a generare radiazioni all’esterno del corpo, è possibile somministrare al paziente delle sostanze radioattive che raggiungano il tumore e lo distruggano in modo selettivo.

Ciò è possibile sfruttando sostanze capaci di localizzarsi selettivamente nell’organo bersaglio, come il 131-Iodio per alcuni tipi di cancro della tiroide, o anticorpi radioattivi (radioimmunoterapia) altamente specifici per tanti altre tipologie di malattie tumorali come i linfomi.

Conclusioni

Le radiazioni ionizzanti sono di certo un fattore di rischio per diverse patologie, soprattutto tumorali, e per questo va limitata il più possibile l’esposizione ad esse durante la vita, soprattutto in condizioni particolari come la gravidanza o l’età fertile.

L’utilizzo diagnostico e terapeutico delle radiazioni va attentamente valutato alla luce del potenziale danno biologico e genetico, ma in alcuni casi, soprattutto quando è in pericolo la salute dell’individuo, un’indagine che sottoponga a radiazioni può essere determinante nel garantire un adeguato trattamento per il paziente.

Antonio Spiezia

Sitografia

http://www.radiazionimediche.it/tipi-di-imaging-medicale/imaging-a-raggi-x/radiografia-esami-ai-raggi-x/

http://www.radiazionimediche.it/tipi-di-imaging-medicale/imaging-a-raggi-x/mammografia/

http://www.radiazionimediche.it/tipi-di-imaging-medicale/imaging-a-raggi-x/tomografia-computerizzata-tac/

http://www.airc.it/cancro/terapia-tumori/radioterapia/

Treatment Centers

http://www.airc.it/cancro/terapia-tumori/radioterapia/radioterapia-interna/

Commenti

Commenti