Questi fantasmi Bellini

Successo con Questi fantasmi! di Marco Tullio Giordana al Bellini

Questi fantasmi! è in scena al teatro Bellini dal 9 al 21 gennaio. Una direzione artistica che ancora una volta si distingue per una stagione teatrale all’ insegna della qualità, per un pubblico esigente che ha accolto numeroso, uno spettacolo tratto dall’icona del teatro partenopeo nel mondo.

Ovviamente stiamo parlando del grande Eduardo. Un genio dal quale non può prescindere la drammaturgia contemporanea, che tenti di emulare o prendere le distanze dal repertorio di azioni, gesti, vocalità che lo rende immediatamente riconoscibile, profondo, pensoso.

Il realismo nella drammaturgia di EduardoQuesti fantasmi al Bellini

L’ esigenza di Eduardo di ascrivere il realismo del suo teatro sul piano del linguaggio, superò le barriere del localismo linguistico. Ricordiamo l’ estrema dedizione con cui riadattava i canovacci a seconda dei luoghi in cui rappresentava le sue opere valicando talvolta, i confini nazionali.

Questi fantasmi!, non a caso fu tra le prime opere rappresentate all’estero, con il successo parigino riscosso nella prima metà del Novecento presso il Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt.

Reinterpretare un autore così noto spesso appare una scelta azzardata. Talvolta una strizzatina d’occhio al pubblico o peggio sciacallaggio di chi è alla ricerca di facili incassi, approfittando di un nome così potente nella memoria collettiva. Ma, nel contempo un progetto rischioso che espone la compagnia e la regia sprovveduta a numerose critiche e stroncature da parte del pubblico attento, come quello napoletano e così affezionato al suo “monumento” culturale.

Una sfida coraggiosa dunque che possono permettersi in pochi, lanciata ancora una volta, da Elledieffe ed accolta con favore dal pubblico del Bellini. La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo, oggi diretta da Carolina Rosi (Maria), mette in scena il capolavoro eduardiano Questi fantasmi!, con la regia di Marco Tullio Giordana.  

Una produzione significativa per la compagnia provata dalla scomparsa della sua colonna portante, Luca De Filippo che si pone l’obiettivo di custodire la memoria di ciò che rappresenta il patrimonio culturale della città e non soltanto.

Questi fantasmi! La magia di Eduardo al Bellini

Il compito di esplorare i significati plurimi della drammaturgia eduardiana è stato affidato alla maestria di un regista appassionato. “Ho deciso di affidare il testo – ha dichiarato Carolina Rosi – alla preziosa ed attenta regia di Marco Tullio Giordana perché sicura che ne avrebbe esaltato i valori ed i contenuti, che avrebbe abbracciato la compagnia e diretto la messinscena con lo stesso amore con il quale cura ogni fotogramma”.

Ed ecco che la sensibilità del regista, la bravura degli attori e l’intensità vibrante e cupa di Carolina Rosi nella vesti di Maria, hanno ricreato qualcosa di davvero magico. In questi giorni si aggira al teatro Bellini, tra Questi fantasmi! in scena anche l’ombra di Eduardo, che qui non è temuto, ma accolto.

E il suo cuore rivive nell’emozione del pubblico attraverso il corpo e la mente dei suoi degni eredi. Proprio questo auspicava, quando nel settembre del 1984 ritirò a Taormina il premio “una vita per il teatro“:

Fare teatro sul serio significa sacrificare una vita. Ma il cuore mi ha tremato sempre, tutte le sere, tutte le prime rappresentazioni e – affermava Eduardo con le parole di chi ha sacrificato tutta la sua vita all’arte e alla scrittura:  continuerà a battaere. Anche quando si sarà fermato!

Questi fantasmi! Il non detto

Un autore indimenticabile e indimenticato, senza tempo, che racconta di una Napoli afflitta dal dolore del suo popolo. “Uno dei nostri grandi monumenti del ‘900, conosciuto e rappresentato, insieme a Pirandello, nei teatri di tutto il mondo. La cui grandezza non è sbiadita ma che- afferma Giordana: non vale solo come testimone di un’epoca.

Al contrario emerge dall’attualità di un testo come Questi fantasmi! non solo la Napoli grandiosa e miserabile del dopoguerra, la vita grama, la presenza liberatrice/dominatrice degli alleati. Ma anche un dolore che non ha mai abbandonato la città e insieme il suo controcanto gioioso, quello che Ungaretti chiamerebbe l’allegria del naufragio”.

Protagonista del dramma dell’esistenza è Pasquale, frutto di inganni e autoinganni. La vita condotta da pusillanime è condannata alla noncuranza di sua moglie Maria, che sceglie di abbandonarlo all’ incertezza del domani. Ma il vero protagonista, e deus ex machina che tutto muove e congela, è l’equivoco. La tragedia familiare scandita dal “non detto”, azioni interrelate in un nodo che solo allo spettatore è dato sciogliere.

Questi fantasmi! Il castQuesti fantasmi! Eduardo rivive al Bellini

Gianfelice Imparato-Pasquale Lojacono (anima in pena). Carolina Rosi nei panni di Maria, sua moglie (anima perduta). Massimo De Matteo – Alfredo Marigliano (anima irrequieta). Paola Fulciniti – Armida, sua moglie (anima triste). Federica Altamura – Silvia, loro figlia (anima innocente). Andrea Cioffi – Arturo, loro figlio (anima innocente). Nicola Di Pinto – Raffaele, portiere (anima nera). Viola Forestiero – Carmela, sua sorella (anima dannata). Giovanni Allocca – Gastone Califano (anima libera).
Gianni Cannavacciuolo – Saverio Califano, maestro di Musica (anima inutile). Carmen Annibale – Maddalena, sua moglie (anima inutile), Gianni Cannavacciuolo. Andrea Cioffi – Due facchini (anime condannate). Il Professor Santanna – (anima utile, ma non appare mai).

Rosa Auriemma

Commenti

Commenti