Home Europa Europa mediterranea Pejac: il senso della Urban Art

Pejac: il senso della Urban Art

3052
Pejac
Pejac

Qualcuno parla di un futuro erede di Bansky, è meglio conosciuto come Pejac ma il suo vero nome è Silvestre Santiago Pejac (qui il riferimento diretto).

Artista spagnolo, venuto alla ribalta grazie ai media internazionali, Pejac è uno urban artist con una storia particolare. Studente d’Accademia tra la Spagna e l’Italia Silvestre Santiago Pejac solo al termine del suo percorso formativo sceglie la strada ed i muri cittadini come supporti tramite i quali esprimere le sue sensazioni.

Pejac
Pejac

Il suo anticonformismo è sottolineato anche dalla tecnica e dai materiali che utilizza, infatti diversamente da qualsiasi street artist Pejac non gradisce le vernici spray ma il classico pennello da poter liberamente maneggiare tra le dita. L’anonimato non lo soddisfa dato che tutti conoscono il suo volto e spesso hanno la possibilità di associarlo alle sue opere, estro, fantasia ed una buona dose compositiva lo contraddistinguono.

Inoltre altro dettaglio è che la sua arte è esposta sia in ambienti esterni, cittadini dove tutti liberamente vi possono accedere, sia all’interno di ambienti come gallerie o centri espositivi. I soggetti delle opere sono vari e diversi tra di essi, bambini ed adulti che collaborano tra di essi, ma anche compartecipazione ed interazione con il mondo naturale caratterizzano questi lavori, articolazioni e trasformazioni di soggetti naturali in forme artificiali.

Pejac
Pejac

Lo stesso artista sottolinea come l’ambivalenza e l’alternanza di sentimenti cupi a sentimenti lieti muovano la sua volontà di creare e diano ispirazione alla sua mente per dare voce a chi non ce l’ha. Messaggi di denuncia o accenti su condizioni particolari dal punto di vista umano sono le linee guida di alcune realizzazioni di Pejac che si è sempre schierato dalla parte dei più deboli mettendo in evidenza con i suoi lavori le contraddizioni di un mondo contemporaneo e le ingiustizie di una società in continua evoluzione non in grado di fermarsi a riflettere.

Il fine ultimo che si prefigge quotidianamente l’artista spagnolo è quello di condurre l’uomo comune al ragionamento, alla concretizzazione di un’idea o di una annotazione che possa determinare un riconoscimento altrui per realizzare migliori condizioni di vita per tutti. I lavori di Pejac oggi sono visibili in tutte le capitali europee ma anche nelle capitali mediorientali ed in Oriente.

Vincenzo Morrone

Fonte: piacilo.it, lastampa.it

Commenti

Commenti

CONDIVIDI