Home Costumi dal mondo Paesi islamici Welcome to Bahrain pt.2: economia, sport, musei e moschee!

Welcome to Bahrain pt.2: economia, sport, musei e moschee!

1995

Iniziamo il tour del Regno del Bahrain! La prima tappa è una visita della capitale di Bahrain, Manama, e della sua  مسجد الفاتحMasjid al-Fatih“, una delle più grandi moschee del mondo in grado di accogliere nientemeno che 7.000 fedeli. La moschea fu voluta nel 1987 dall’ultimo emiro Isa ibn Salman Al-Khalifa, capostipite della dinastia che porta il suo nome. L’edificio ha due minareti, ovvero le torri da cui vengono annunciate le preghiere, ed una sola cupola; essa è stata realizzata in fibra di vetro ed ospita la National Library of Bahrain. Se la si vuole visitare, bisogna ricordare che essa è chiusa ogni venerdi ovvero il  giorno sacro per l’Islam e durante le feste religiose.

Grande Moschea Al-Fateh
Grande Moschea Al-Fateh

Un altro posto da visitare è invece il Museo nazionale di Bahrain (متحف البحرين الوطني “Mutafu Al-Bahrain Al-watani“), costruito nel 1988 e accanto ad esso, si trova ilTeatro nazionale di Bahrain. Il museo è noto per la sua collezione contenente molti manufatti i quali racchiudono una cronologica successione dello sviluppo di questo Regno, circa 600 anni. Lo scopo di questa collezione è quello di conservare, attraverso l’arte manifatturiera, la storia delBahrain. Inoltre nel 1993 fu inaugurata la sezione di Storia naturale, la quale comprende le principali peculiarità sulla flora e sulla fauna. L’entrata forse lascia molto a desiderare ma l’interno del museo è particolarmente interessante. 

L’economia del Bahrain

Bahrain Museum
Bahrain Museum

Il lato economico del Regno è molto forte e supportato dai grandi giacimenti petroliferi, infatti la raffinazione e la vendita costituiscono  il principale reddito del Paese. Il Bahrain è considerato un paradiso fiscale. Il sistema fiscale italiano, col Decreto Ministeriale 04/05/1999, l’ha inserita tra gli Stati o Territori aventi un regime fiscale privilegiato, nella cosiddetta Lista Nera, ponendo quindi limitazioni fiscali ai rapporti economico commerciali che si intrattengono tra le aziende italiane ed i soggetti ubicati in tale territorio. Nel 2012, a seguito di aggiornamenti, il paese si è poi conformato agli standard internazionali ed è stato quindi rimosso dalla lista. Gli sport più quotati sono il calcio e la Formula 1, infatti il percorso scelto è quello di Sakhir costruito nel deserto, dove dal 2004 si svolgono i GP della Formula 1.

Dal Bahrain è tutto!

Fabrizio Consiglio

Commenti

Commenti