fbpx

Filosofia del Novecento

Home Filosofia moderna e contemporanea Filosofia del Novecento
coraggio della verità

“Il coraggio della verità” di Michel Foucault

Cosa significa parresìa? Perché la democrazia non era secondo gli antichi lo spazio in cui alimentare la verità? Lo scopriamo attraverso la trascrizione dell'ultimo corso tenuto da Michel Foucault nel saggio "Il coraggio della verità".
Chomsky

Noam Chomsky: la Grammatica Universale

Una breve introduzione alle riflessioni Noam Chomsky, punto di riferimento fondamentale per la filosofia della mente e del linguaggio del Novecento.
Jonas

Hans Jonas: Il concetto di Dio dopo Auschwitz

Come cambia il concetto di Dio dopo Auschwitz nell'ebraismo? Come si spiega l'impotenza di Dio dinanzi a tale evento? Risponde il filosofo Hans Jonas.
Economia libidinale

L’economia libidinale di Jean-François Lyotard

Si può ripensare il capitalismo in una accezione positiva? Perché l'economia politica è anche economia libidinale? A queste domande risponde J.F. Lyotard.
Rahner

Rahner e l’esistenziale soprannaturale

Rahner è uno dei più importanti teologi del XX secolo. Approfondiamo il suo pensiero: il metodo antropologico-trascendentale e l'esistenziale soprannaturale
maria zambrano

Maria Zambrano: lo sguardo del poeta e la parola-madre

Maria Zambrano è una delle più importanti filosofe del Novecento. L'esperienza dell'esilio dalla Spagna, dilaniata dalla guerra, induce la pensatrice a meditare sulla cultura occidentale.
Rensi

Giuseppe Rensi e l’assurdo che domina la realtà

Contro il neoidealismo di Croce e Gentile, Rensi promuove un pensiero radicale che finisce per attribuire una base comune al pessimismo e alla realtà.
Scheler

Max Scheler e André Leroi-Gourhan: l’antropologia filosofica

Scheler e Leroi-Gourhan ci offrono due prospettive diverse sul problema dell'uomo e della sua posizione nel mondo biologico.
eraclito

Eraclito in Nietzsche ed Heidegger: un fuoco che rischiari

Eraclito: uno dei più importanti filosofi dell'epoca antica. Nietzsche ed Heidegger ne fanno un interlocutore privilegiato della propria speculazione.
lacan kojeve

Il desiderio dopo Hegel: Kojève e Lacan

Si deve notare come il desiderio non sia visto come il migliore strumento per comprendere e conoscere il mondo. Ecco come lo interpretano Kojève e Lacan.

Ultimi articoli