fbpx

Letteratura russa (1850-2000)

Home Letteratura straniera contemporanea (1850-2000) Letteratura russa (1850-2000)

Il giardino dei ciliegi di Cechov: la decadenza è di scena

Ultimo lavoro teatrale di Čechov, Il giardino dei ciliegi è un dramma che mette al centro la decadenza dell'aristocrazia russa alla fine dell'800
cuore di cane

Narrazioni animali: “Cuore di cane” di Bulgakov

In un'ideale linea di convergenza tra Frankenstein e Cholstomer, "cuore di cane" di Bulgakov racconta l'ambizioso trapianto chirurgico operato da uno scienziato sovietico su un cane trovatello...

Zio Vanja di Anton Cechov: la trama e il significato

In "Zio Vanja" Cechov analizza il dramma del tempo che scorre e dei rimpianti che l'uomo matura per non averlo sfruttato a dovere.

Le notti bianche di Dostoevskij: riflessioni sul sognatore

"Le notti bianche" di Dostoevskij è l'opera più conosciuta dello scrittore russo, ambientata a San Pietroburgo, con al centro le figure del Sognatore e di Nasten'ka

Il gabbiano: il dramma di Anton Cechov

Con "il gabbiano" Cechov propone un dramma teso tra la sete di successo e il prezzo che tale successo impone agli uomini che la raggiungono.
Bulgakov copertina

Il diavolo ne “Il Maestro e Margherita” di Michail Bulgakov

Il vero protagonista de il Maestro e Margherita di Bulgakov è Woland, il diavolo, un personaggio inaspettatamente positivo che "eternamente compie il bene".

Anton Cechov e il racconto “La corsia numero 6”

Cechov e quel racconto che ha come titolo "La corsia numero 6", una critica delle istituzioni mediche e delle condizioni di vita dei malati.

Ultimi articoli