fbpx

Letteratura italiana del secondo Ottocento

Home Letteratura italiana contemporanea Letteratura italiana del secondo Ottocento
Il Verismo

La prefazione a l’Amante di Gramigna e a I Malavoglia

Il Verismo si sviluppa nella seconda metà dell’Ottocento italiano: Giovanni Verga presenta la letteratura come "Indagine sociale e documento umano" nelle prefazioni a l'Amante di Gramigna e a I Malavoglia.
Poesie su Napoli

Poesie su Napoli in napoletano: Partenope e il mare in versi

Nell'ottocento italiano i poeti meridionali descrivevano la bellezza e la miseria della città di Napoli componendo versi e poesie liriche con note musicali. Si ricordano gli idilli di Salvatore di Giacomo in cui vengono raccontate le diverse sfumature della città divisa tra povertà e seduzione, dispetto e seduzione.
mare letteratura

Il mare nella letteratura: dall’Odissea a Elsa Morante

Il mare nella letteratura è il luogo dell'anima al quale affidare i propri sentimenti, dall'Odissea a Elsa Morante, passando per Baudelaire e Dante.
marechiaro

“A fenestella e Marechiaro”, poesia di Salvatore Di Giacomo

Salvatore Di Giacomo ci fornisce un quadro idilliaco di Marechiaro, reso immortale in quella che diventò una delle sue canzoni più famose: A Marechiare.
Giovanni Verga femme fatale Eva Lupa

Femme fatale: la donna in Eva e Vita dei Campi di Verga

Femme Fatale: è questa l'immagine femminile dominante nella narrativa tardo-romantica e nei romanzi di Giovanni Verga, da "Una peccatrice" (1866) a "Eva" (1873).

Fantasticheria: Verga e i valori del mondo popolare

Fantasticheria è la novella che apre la raccolta "Vita dei campi", con cui Verga inizia ad abbracciare i canoni di oggettività e impersonalità del Verismo, e in cui esporrà il famoso "ideale dell'ostrica".
matilde serao

Matilde Serao: la fondatrice de Il Mattino, voce di Napoli

Matilde Serao rappresenta una figura di donna attiva nel piano culturale e politico dell'800, facendo del giornalismo di inchiesta uno strumento di denuncia sociale in merito alle problematiche della città di Napoli
giovanni pascoli

Il linguaggio pregrammaticale e postgrammaticale di Pascoli

Ciò che è unico in Giovanni Pascoli è aver messo il linguaggio pregrammaticale, grammaticale e postgrammaticale sullo stesso piano nella sua poesia.

Leggende napoletane di Matilde Serao: la fiaba di Provvidenza

"Provvidenza, buona speranza" è una fiaba napoletana raccontata da Matilde Serao: il rapporto tra un mendico e i bambini della città fa sognare ancora...
cipresso

Il cipresso nella letteratura: Ovidio, Foscolo, D’Annunzio

Il cipresso è il nome italiano della pianta delle Cupressacee Cupressus sempervirens, caratteristica della macchia mediterranea. Originaria delle zone orientali, la conifera fu introdotta...

Ultimi articoli