Letteratura tedesca (1850-2000)

Home Letteratura straniera contemporanea (1850-2000) Letteratura tedesca (1850-2000)
La fine

Poesie sulla fine dell’estate: Dickinson, Hesse, Hikmet

La fine della stagione estiva porta con sé un carico di nostalgia. Vediamo come il mondo della poesia, attraverso alcuni esempi, l'abbia descritta.
Jakob van Hoddis

La “fine del mondo” di Jakob van Hoddis

Nel 1911 Jakob van Hoddis compone Weltende, una delle poesie più importanti dell'Espressionismo tedesco. Vediamo assieme le sue più importanti innovazioni.

Der Schimmelreiter di Theodor Storm, trama e caratteristiche

La novella "Der Schimmelreiter" di Theodor Storm è una profonda riflessione sul rapporto tra superstizione e natura all'interno di una piccola comunità.
kafka

Kafka e Prometeo: il significato simbolico de L’avvoltoio

Le opere di Franz Kafka si caratterizzano per angoscianti atmosfere da incubo, molte riguardano il tema della colpa come il breve racconto "L'avvoltoio".

Il gran sole di Hiroshima di Karl Bruckner

Hiroshima e la tragedia atomica rivivono nel romanzo del 1961 "Il gran sole di Hiroshima" di Bruckner, in un'ottica pensata soprattutto per i più giovani.
La grazia

La grazia delle marionette di Kleist e Mann

Il problema della grazia viene affrontato da Kleist nel suo scritto Il Teatro delle Marionette; vediamone i risvolti filosofici grazie ad un confronto con il capitolo "Neve" de La Montagna Incantata di Thomas Mann.
Thomas Mann Fratello Hitler

Bruder Hitler: il fratello Hitler secondo Thomas Mann

Nel 1939 Thomas Mann pubblica un articolo dal titolo "Fratello Hitler" in cui non mancano le sue considerazioni sull'ascesa del dittatore tedesco.
celan

Paul Celan: poeta della shoah in lingua tedesca

Paul Celan poeta rumeno ebreo, di madrelingua tedesca, ha vissuto direttamente le deportazioni naziste.Il punto fermo della sua poesia è stata la Shoah

Apollineo e dionisiaco nella letteratura tedesca

Thomas Mann e Hermann Hesse, due giganti del Novecento, rielaborano nelle loro opere le categorie nietzschiane di spirito apollineo e spirito dionisiaco.

Walter Benjamin: pensieri sull’esperienza e la memoria

Nel 1939 Walter Benjamin pubblica in un saggio le sue riflessioni sulla poesia di Baudelaire e sui nuovi concetti "metropolitani" di esperienza e memoria.

Ultimi articoli