Letteratura orientale

Home Letteratura straniera Letteratura orientale
japanglish

Japanglish: il fenomeno trasformato in lingua

Il Japanglish è, come già molto intuibile dalla parola stessa, l'unione di due lingue molto complesse e distanti tra loro. Si parla...

Kawabata Yasunari e il suo “Paese delle nevi”

Kawabata Yasunari è uno degli scrittori giapponesi più importanti e conosciuti anche al di fuori del perimetro nipponico. Nel 1968, infatti, vince il Premio...
Mishima Confessioni di una maschera

Mishima e l’omosessualità: Confessioni di una maschera

Mishima, scrittore giapponese, con "Confessioni di una maschera" ci offre uno stravolto romanzo autobiografico di formazione attraverso la sua omosessualità
Dostoevskij

Dostoevskij, ovvero luci e ombre dell’animo umano

Lettura e recensione di due grandi opere dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij, maestro nell'indagare le mille sfaccettature dell'animo umano

La neve: il significato simbolico nella letteratura

La neve ha da sempre affascinato l'immaginario collettivo. Il suo significato simbolico nella letteratura di ogni tempo da Umberto Saba a James Joyce.
La fine

Poesie sulla fine dell’estate: Dickinson, Hesse, Hikmet

La fine della stagione estiva porta con sé un carico di nostalgia. Vediamo come il mondo della poesia, attraverso alcuni esempi, l'abbia descritta.
Il Maestro e Margherita Ponzio Pilato Bulgakov

Il Maestro e Margherita: Ponzio Pilato secondo Bulgakov

E se si provasse a riscrivere la Passione di Cristo attraverso lo sguardo del procuratore romano, che aspetto avrebbe Ponzio Pilato?

Il giardino dei ciliegi di Cechov: la decadenza è di scena

Ultimo lavoro teatrale di Čechov, Il giardino dei ciliegi è un dramma che mette al centro la decadenza dell'aristocrazia russa alla fine dell'800

Zio Vanja di Anton Cechov: la trama e il significato

In "Zio Vanja" Cechov analizza il dramma del tempo che scorre e dei rimpianti che l'uomo matura per non averlo sfruttato a dovere.

Le notti bianche di Dostoevskij: riflessioni sul sognatore

"Le notti bianche" di Dostoevskij è l'opera più conosciuta dello scrittore russo, ambientata a San Pietroburgo, con al centro le figure del Sognatore e di Nasten'ka

Ultimi articoli