Letteratura francese (1850-2000)

Home Letteratura straniera contemporanea (1850-2000) Letteratura francese (1850-2000)

Dei diritti e dei doveri del lettore: leggere Céline

“Ho smesso di essere uno scrittore, nevvero, per diventare un cronista. Ho messo la mia pelle in gioco. Perché non dimenticate una cosa: la...
percezione

Il Discours du récit di Gérard Genette (1972): il narratore

L'analisi del racconto secondo i criteri individuati da G. Genette mette in luce, tra gli altri, il problema della percezione del narratore nel testo.
Zazie

La “fiaba” di Zazie tra le pagine e il grande schermo

In "Zazie" Queneau ha saputo intrecciare innovazione e tradizione nella tecnica del romanzo, erigendo una pietra miliare che non è passata inosservata.
vian

Vian in: l’orribilmente romantico

Di orribile meraviglia è interamente costituita l’opera di Boris Vian, di conoscenza della morte e tensione verso la vita.

La pedina sulla scacchiera: un romanzo di Irène Némirovsky

La pedina sulla scacchiera: la trama James Bohun è il capo di un'azienda internazionale di grande rilevanza - produttrice di acciaio - ma, con la crisi...
Roland barthes

Il grado zero della scrittura di Barthes e La parola contraria di Erri De...

La parola contraria è un pamphlet di appena sessantadue pagine, un testo in cui Erri De Luca racchiude un’idea di Letteratura e di società.
schwob

Marcel Schwob e le biografie dell’ “imaginarius”

Marcel Schwob reinventa in fin de siècle il genere biografico, ricavandone delle considerazioni sull'arte che hanno generato una parte del pensiero moderno.
foucault

Michel Foucault: l’individuo anormale

Tra i corsi tenuti da Michel Foucault al Collège de France “Gli anormali" presenta un nuovo tipo di soggetto, dalla natura integra e frammentaria insieme.
Simone Weil

Simone Weil: la Resistenza vista dagli umili

Simone Weil ha vissuto alcuni anni della Resistenza in maniera del tutto autonoma, ricercando la purezza della vita semplice negli anni più duri del '900.
raymonde linossier

Raymonde Linossier, la partigiana di sé stessa

Raymonde Linossier, per mezzo del romanzo "Bibi-la-Bibiste", descrive un'esistenza particolare, creando un movimento per la leggerezza e l'egocentrismo.

Ultimi articoli