Storia della Psicologia

Home Filosofia e scienze sociali Storia della Psicologia
Jaspers

Genio e follia: il Van Gogh di Karl Jaspers

Lo psichiatra e filosofo Jaspers elabora il resoconto di un viaggio nel tormentato mondo interiore di Van Gogh, tra i più grandi artisti di tutti i tempi.
Lutto Freud

Freud e il lavoro del lutto: quando chi amiamo va via

Sigmund Freud è considerato il padre della psicoanalisi per eccellenza: analizziamo qui il noto saggio "Lutto e Melanconia" della raccolta "Metapsicologia".
mito

Il mito in Sigmund Freud e Carl Gustav Jung

A partire dal Novecento il mito assume un ruolo determinante per la psicanalisi, in particolar modo quella di Freud e Jung.
Anima Animus

Anima e Animus, le porte verso il Sé in Jung

Jung individua un archetipo generatore di proiezioni. Si tratta l’archetipo rappresentante l’inconscio collettivo: Anima, nell'uomo, Animus, nella donna.
Zimbardo

La brutalità umana nell’esperimento di Zimbardo

Zimbardo è entrato nella storia per aver ideato un esperimento psicologico e sociale che ha avuto esiti drammatici: la prigione di Stanford.
Jung

Carl Gustav Jung, gli archetipi e l’inconscio collettivo

Un'analisi del concetto di inconscio collettivo e di archetipo: che ruolo assumono nel pensiero di Jung e quale ricaduta hanno nel pensiero contemporaneo?
Rapporto fraterno

Le dinamiche intrapsichiche nel rapporto fraterno

Il rapporto fraterno è complesso, definito da dinamiche intrapsichiche potenti, che hanno influenza sui rapporti con l’altro e sulla genesi della socialità.
Goleman

Daniel Goleman: alla scoperta dell’intelligenza emotiva

In che termini si può parlare di intelligenza emotiva? Sulla scorta di Daniel Goleman analizziamo pregi e difetti delle emozioni, per capire perché anche quelle negative possono essere importanti nella nostra vita.
lacan kojeve

Il desiderio dopo Hegel: Kojève e Lacan

Si deve notare come il desiderio non sia visto come il migliore strumento per comprendere e conoscere il mondo. Ecco come lo interpretano Kojève e Lacan.
Individuo

Individuo e Massa tra Ottocento e Novecento

Si può parlare di Individuo come monade assoluta, soggetto isolato, nell’epoca contemporanea? Un filo diretto, che ci porterà fino alla visione del Singolo e del suo rapporto con la Società in Adorno, è tracciato da Le Bon fino ad Elias, passando per Freud ed Ortega.

Ultimi articoli