Filosofia contemporanea

Home Filosofia e psicologia Filosofia contemporanea
Merleau-Ponty

Merleau-Ponty: Fenomenologia della percezione

Richiamandosi alle indagini fenomenologiche husserliane, Merleau-Ponty ci offre una nuova modalità di approccio a temi come: corpo, percezione e cogito.
Chomsky

Noam Chomsky: la Grammatica Universale

Una breve introduzione alle riflessioni Noam Chomsky, punto di riferimento fondamentale per la filosofia della mente e del linguaggio del Novecento.
Plessner

Helmuth Plessner: l’uomo tra eccentrismo e scissione

Plessner classifica gli organismi viventi in base alla loro "posizionalità", ovvero la posizione che occupano nel mondo, e quella dell'uomo è eccentrica.
Kuhn

Kuhn: La struttura delle rivoluzioni scientifiche

L'indagine svolta da Kuhn ci consente di individuare, attraverso la teoria dei paradigmi, le modalità in cui si articola il progresso scientifico.
Sophia

Sophia: il primo androide con la cittadinanza

Sophia, prodotto della Hanson Robotics, è il primo androide "cittadino". L'Arabia Saudita le ha conferito la cittadinanza il 26 ottobre scorso.

Il mondo magico di Ernesto de Martino

Ernesto de Martino, figura di riferimento dell'antropologia, analizza ne "Il mondo magico" la nascita e tutela della presenza.
Heidegger L'epoca dell'immagine del mondo

Heidegger: L’epoca dell’immagine del mondo

Ne "L'epoca dell'immagine del mondo", Heidegger ci fornisce gli strumenti critici per interpretare le trasformazioni introdotte dall'epoca moderna.
principio

Karl Popper e il principio di falsificabilità

Come può il principio della falsificabilità stabilire la validità di un sistema scientifico? Lo scopriamo esaminando il pensiero di Karl Popper.
michel foucault

Foucault – la risposta alla domanda: è morto l’uomo?

Michel Foucault, autore de "La storia della follia nell'età classica", ha modificato, attraverso le opere di archeologia, lo sguardo gettato sul soggetto.
Wittgenstein silenzio

Ludwig Wittgenstein: una filosofia del silenzio

Riflettendo su possibilità e limiti del linguaggio, Wittgenstein perviene a una distinzione fondamentale fra sfera del dicibile e ambito dell'ineffabile. La comprensione dell'incondizionato è affidata ad un'intuizione caratterizzata dal silenzio.

Ultimi articoli