Filosofia contemporanea

Home Filosofia e psicologia Filosofia contemporanea
Jonas

Hans Jonas: Il concetto di Dio dopo Auschwitz

Come cambia il concetto di Dio dopo Auschwitz nell'ebraismo? Come si spiega l'impotenza di Dio dinanzi a tale evento? Risponde il filosofo Hans Jonas.
Heidegger L'epoca dell'immagine del mondo

Heidegger: L’epoca dell’immagine del mondo

Ne "L'epoca dell'immagine del mondo", Heidegger ci fornisce gli strumenti critici per interpretare le trasformazioni introdotte dall'epoca moderna.
Stein

Edith Stein, l’empatia come riconoscimento di sé e dell’altro

Edith Stein esamina l'empatia e mette in luce gli aspetti positivi della stessa: riconoscimento di sé, dell'altro e persino del mondo che ci circonda.
A porte chiuse Sartre

L’inferno sono gli altri: la piéce “A porte chiuse” di Sartre

Nella piéce teatrale A porte chiuse, Sartre mette in scena l’inferno, un inferno dalla connotazione terrena, che affonda le radici nell'esistenzialismo.
Chomsky

Noam Chomsky: la Grammatica Universale

Una breve introduzione alle riflessioni Noam Chomsky, punto di riferimento fondamentale per la filosofia della mente e del linguaggio del Novecento.
principialismo

Principialismo e bioetica: una tirannia dei principi?

Fino a che punto nell'etica della medicina e della scienza è meglio che a dettar legge siano i principi? Principialismo e casistica tra etica e bioetica.
Popper

Popper ed Eccles: il rapporto tra l’Io e il suo cervello

Stati d'animo ed emozioni dipendono esclusivamente dal modo in cui i nostri neuroni entrano in connessione tra loro? Rispondono Popper ed Eccles.
estetizzazione della vita politica

Estetizzazione della vita politica in Walter Benjamin

Estetizzazione della vita politica è fare dell’arte, nella dimensione della fruizione distratta, esercizio di controllo politico delle masse.
Beck

La società del rischio: Ulrich Beck e la seconda modernità

La società del rischio di Ulrich Beck illustra contraddizioni e problemi del mondo contemporaneo, suggerendo possibili soluzioni per uscire dalla crisi.
Wittgenstein silenzio

Ludwig Wittgenstein: una filosofia del silenzio

Riflettendo su possibilità e limiti del linguaggio, Wittgenstein perviene a una distinzione fondamentale fra sfera del dicibile e ambito dell'ineffabile. La comprensione dell'incondizionato è affidata ad un'intuizione caratterizzata dal silenzio.

Ultimi articoli