Home Musica del Novecento Storia del Rock Led Zeppelin: Stairway to Heaven frutto di plagio?

Led Zeppelin: Stairway to Heaven frutto di plagio?

1164
Led Zeppelin

Il diritto d’autore è sempre stato uno dei principali protagonisti delle scena musicale mondiale: in tutte le varie decadi che hanno fatto la storia del rock, fino ad arrivare ai tempi recenti, numerosi sono stati i processi in cui band, quasi sempre poco note, citavano in giudizio alcuni dei più grandi artisti in circolazione, rei di aver palesemente plagiato uno o più pezzi del loro repertorio. Il caso di cui vi parliamo oggi riguarda i Led Zeppelin, uno dei gruppi rock per antonomasia, e il loro pezzo Stairway to Heaven: secondo quanto letto negli atti di accusa, la ballad più famosa di sempre sarebbe un plagio evidente, tale da aver causato una “falsificazione della storia del rock’n roll”.

Led Zeppelin vs Spirit

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=9Q7Vr3yQYWQ]
L’inizio dell’intera vicenda è datato 21 Maggio 2014, giorno in cui i legali degli Spirit, gruppo rock americano fondato nel ’67 e non più in attività, accusano i Led Zeppelin di aver letteralmente copiato l’arpeggio presente in Taurus, pezzo scritto nel ’68, e di averlo riutilizzato in Stairway to Heaven. Randy California, l’ormai defunto chitarrista, nonchè fondatore, degli Spirit, aveva da sempre denunciato il plagio della rock band britannica, senza però mai ricorrere alle vie legali. Dopo aver studiato il caso nell’arco di questi ultimi anni, il giudice ha deciso, lo scorso 9 Febbraio, di rigettare la richiesta di rinviare il caso, stabilendo nel mese di Maggio la data di inizio del processo.

Jimmy Page, storico chitarrista dei Led Zeppelin, avrebbe dichiarato, nell’ambito del procedimento legale, di possedere l’omonimo album di debutto degli Spirit, ma di non aver mai ascoltato Taurus. In occasione di un’intervista ad Hollywood Reporter, Page ha dichiarato quanto segue:

“Non lo avevo mai visto prima tra i miei dischi e non so come e quando sia finito lì. Forse ce lo ha lasciato qualche ospite. Dubito che fosse lì da molto, perché non lo avevo mai notato prima. Ma, ripeto, so di non aver mai ascoltato ‘Taurus‘ prima del 2014.”

Stairway to Heaven: chi ha ragione?

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=ye7hCIWwhGE]
Analizzando i due pezzi, è impossibile non notare la somiglianza: nonostante le dichiarazioni di circostanza di Jimmy Page, l’arpeggio di Spirit è molto simile a quello che poi apparirà in Stairway to Heaven; anzi, volendo spingersi oltre la mera somiglianza, alcune melodie dell’arpeggio di Randy California sono praticamente identiche a quelle presenti nella hit dei Led Zeppelin.

Lo stesso California, in una nota scritta sulla ristampa dell’album in questione, aveva affermato:

Le persone mi chiedono sempre perché Stairway to Heaven suoni esattamente come Taurus, che fu rilasciata due anni prima. So che i Led Zeppelin suonavano anche Fresh Garbage [altro pezzo degli Spirit, presente nel debut album ndr] nei loro concerti. Loro si esibirono come nostro gruppo spalla in occasione del loro primo tour americano.

C’è da sottolineare, infatti, che il gruppo britannico, in occasione del tour americano del 68/69, si esibì di spalla agli Spirit e, secondo le dichiarazioni di Randy California, sarebbe stato proprio in quell’occasione in cui i Led Zeppelin avrebbe ascoltato Taurus, decidendo, in seguito, di farne un plagio.

Stairway to Heaven vs Taurus

Led ZeppelinPrima di gridare allo scandalo occorre, però, fare una riflessione: nonostante la somiglianza ci sia, e sia nettissima, occorre sottolineare il fatto che Taurus, più che un brano strumentale, è una sorta di intermezzo per introdurre Girl in your Eye, il pezzo successivo, mentre tutti sappiamo che Stairway to Heaven è un brano di ben otto minuti di durata. Il punto sta proprio qui: è possibile parlare di plagio quando i pezzi hanno una natura ed uno sviluppo completamente diversi? Perché mentre Taurus esaurisce il suo ruolo in nemmeno 3 minuti, il pezzo dei Led Zeppelin, tolto l’arpeggio, ha delle aperture melodiche completamente diverse, non presenti nel brano di Randy California.

La normativa sul plagio, d’altra parte, è sempre stata piuttosto vaga e fumosa: secondo la legge n. 633 del 1941, si può parlare di plagio quando una persona si appropria di elementi rappresentativi e creativi di un’opera per introdurli in un’altra opera sotto il proprio nome. Si tratterebbe, a tutti gli effetti, di una contraffazione.

Led Zeppelin Ma non c’è una regola generale per capire se si sia in presenza di plagio o meno. Non c’è un numero di battute, un certo numero di note uguali, tali da determinare la suddetta contraffazione: la decisione del giudice si baserà unicamente su una consulenza tecnica che, dopo l’ascolto dei due brani in questione, stabilirà se il brano successivo ingenera il riconoscimento del pezzo precedente.

Proprio a causa di questa normativa evasiva, non è raro trovare somiglianze più o meno accentuate tra i pezzi più disparati che, tuttavia, non ricadono nel plagio, ma una cosa possiamo affermarla con sicurezza: nonostante la questione getti non poche ombre su Jimmy Page e compagni, non pone minimamente in discussione il valore che musicale che questa band ha avuto nella storia del rock.

Claudio Albero

Commenti

Commenti

CONDIVIDI