Home Medicina Salute Alzheimer: una dieta per giocare d’anticipo

Alzheimer: una dieta per giocare d’anticipo

2744
Alzheimer Dieta MIND

Uno studio del Rush Medical Center di Chicago, pubblicato dalla rivista Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association, conferma l’esistenza una dieta capace di dimezzare il rischio di ammalarsi d’Alzheimer.

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza degenerativa progressivamente invalidante con esordio prevalentemente in età presenile. Il sintomo precoce più comune è la difficoltà nel ricordare gli eventi recenti (perdita della memoria a breve termine), mentre i sintomi successivi sono: afasia, disorientamento e depressione.

alzheimer

La dieta Mind per l’Alzheimer

La dieta in questione è stata chiamata Mind (Mediterranean-DASH Intervention for Neurodegenerative Delay) ed è una combinazione tra la dieta mediterranea e la dieta DASH. La dieta mediterranea, inventata negli anni ’50 dal nutrizionista americano Angel Keys, prevede una piramide degli alimenti alla cui base ci sono quelli favoriti e alla punta quelli da evitare. La dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) invece consiste nel seguire alcuni accorgimenti per bloccare l’ipertensione arteriosa.

La dieta mediterranea

La dieta mediterranea si basa soprattutto sulla corretta scelta degli alimenti e non sul calcolo calorico, per cui va mangiato ciò che ha effetti benefici sul nostro organismo. Le linee guida sono queste:

  • assunzione di proteine vegetali al posto di quelle animali;
  • elevato apporto di fibra alimentare;
  • consumo di pesce e legumi;
  • sostituzione della carne bianca una volta a settimana al posto di quella rossa;
  • drastica riduzione del consumo di insaccati, burro, formaggi grassi, maionese, margarina, sale, dolci, caffè e alcolici.

Frutta, verdura e cibi integrali sono ricchi di antiossidanti e quindi svolgono un’azione protettiva contro malattie cardiovascolari ed alcune forme di cancro. I pomodori, per esempio, sono ricchi di licopene il quale protegge dal cancro alla prostata, la fibra alimentare regola le funzioni intestinali e il pesce infine è ricco di proteine e sali minerali come fosforo, calcio, iodio e ferro.

La dieta mediterranea è ideale dunque per combattere: arteriosclerosi, cardiopatie, ipertensione, diabete e tumori. alzheimer

La dieta DASH

La dieta DASH è stata studiata per bloccare l’ipertensione arteriosa ovvero, lo stato costante in cui la pressione arteriosa è elevata rispetto a standard fisiologici considerati normali (diastolica >90 e sistolica >140 mmHg). Questa dieta comprende l’assunzione di frutta, pesce, magnesio (vegetali verdi), potassio (verdure, legumi, cereali, frutta), alimenti ricchi di acidi grassi essenziali ω3 (olio di pesce) e acqua oligominerale. Da evitare assolutamente sono il sale da cucina, alcol, alimenti ricchi di grassi saturi/idrogenati. alzheimer

I risultati che appoggiano lo studio

Lo studio è incominciato nel 1997 ed è terminato nel 2013: sono state monitorate 900 persone e si sono verificati 144 casi di Alzheimer. Le persone che hanno seguito in modo scrupoloso la dieta, hanno concretizzato una diminuzione del 53% del rischio mentre per coloro che l’hanno seguita saltuariamente il rischio si è abbassato del 35%. Sarebbe proprio questo il punto forte di tale dieta: anche non seguendola rigidamente, i risultati sono molto positivi ed incoraggiano i pazienti.

Nunzia Langella

Commenti

Commenti