Letteratura latinoamericana

Home Letteratura Letteratura latinoamericana

Mario Vargas Llosa, paradiso e utopia

Cosa accomuna lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, l'artista francese Paul Gauguin e l'attivista e femminista Flora Tristan? Un angolo di paradiso.

Sepúlveda e le sue incrollabili rose

"Le rose di Atacama" è un'opera dello scrittore cileno Luis Sepúlveda. In essa, lo scrittore dà voce a trentacinque incredibili e sorprendenti personaggi.

Neruda e Montale. Il peso di un’assenza

Eugenio Montale e Pablo Neruda sono due dei più grandi poeti del Novecento. Entrambi conobbero il peso di un'assenza e il dolore di troppi addii.
Cortázar

Cortázar e il racconto fantastico

I racconti fantastici dello scrittore argentino Julio Cortázar sono unici nel loro genere. Dietro di loro si nasconde un'ampia base teorica, sviluppata dal poeta nel corso degli anni, e, soprattutto, una innata propensione al surreale e all'inquietante.
Amado

Amado: Dona Flor, un libro da assaporare

Il romanzo dello scrittore brasiliano Jorge Amado, “Dona Flor e i suoi due mariti”, è una sorprendente rappresentazione delle ambivalenti facce della sensualità attraverso la più erotica delle arti: quella culinaria.
soriano

Soriano, il realista visionario

Osvaldo Soriano è stato uno scrittore argentino. Il suo humor dissacrante e il suo modo semplice e visionario di inquadrare la miseria della condizione umana sono particolarmente evidenti nel romanzo "Un'ombra ben presto sarai".
Borges

Borges e il verosimile nella finzione

Jorge Luis Borges è fautore di una seminale dialettica narrativa che intreccia la realtà con la finzione fino ad offuscare i confini di entrambe.
cacao

Cacao: natura sovrana e storie d’ingiustizia

Nel 1933 Jorge Amado pubblica Cacao. Si tratta di un'opera breve, essenziale, diretta, che racconta "con un minimo di letteratura per un massimo di onestà" le terribili condizioni di vita e di lavoro dei braccianti delle piantagioni di cacao.
Paula

Paula. Amore e memoria in Isabel Allende

Quando sua figlia Paula si ammala di porfiria nel 1991, l'unica arma di Isabel Allende per affrontare il destino avverso e il dolore è la scrittura. Nell'ospedale di Madrid dove la giovane è ricoverata un silenzioso racconto di storie passate e radici antiche scorre insieme all'inchiostro dalla penna di Isabel.

Julio Cortázar tra Parigi e Buenos Aires

A Buenos Aires c’è una piazza intitolata a Julio Cortázar. Piccola, accaldata, caotica di gente. Su un muro, costantemente rinnovata da qualcuno che ancora...

Ultimi articoli