Home Cinema e videoarte Cinema internazionale Across the Universe: film manifesto della beat generation

Across the Universe: film manifesto della beat generation

462

Across the Universe, film musical di Julie Taymor, è uscito nel 2007. In anteprima europea, la pellicola è stata presentata al Cinema. Festa internazionale di Roma 2007, all’epoca alla sua seconda edizione.

La pellicola offre una vivida immagine della beat generation, movimento giovanile nato negli anni ’50. Gli scrittori che ne hanno fatto parte hanno reso nota la beat generation come “gioventù bruciata”. Tra i personaggi di spicco figurano: Jack Kerouac, Allen Ginsberg, Neal Cassady. La sperimentazione delle droghe, la sessualità alternativa e il rifiuto del conformismo hanno ispirato i giovani delle generazioni successive. Della beat generation fanno parte, infatti, i movimenti giovanili del ’68: l’opposizione alla guerra del Vietnam, gli hippie, il senso di ribellione. Elementi facenti parte di quel movimento ben rappresentato in Across the Universe.

La trama

È il 1966. Il protagonista Jude (Jim Sturgess) è un operaio navale in un cantiere di Liverpool. È figlio unico, abita con la madre, ed ha una fidanzata di nome Molly. Jude attraversa un periodo della sua vita in cui vuole sciogliere un nodo della sua esistenza: conoscere suo padre. Il ragazzo non sa niente di lui, tranne che l’uomo è americano. Per questo motivo, Jude compie il suo primo viaggio oltreoceano e giunge all’università di Princeton.

Nell’edificio, apprende che il padre lavora all’università, e i due finalmente “sanno dell’esistenza dell’altro”. Qui conosce anche Max (Joe Anderson), un ragazzo scapestrato, e i due decidono di affittare un appartamento a New York. Trovando lavoro Max come tassista e Jude come artista indipendente, i ragazzi abitano con altre persone, tra cui Sadie (Dana Fuchs), la stupenda cantante-padrona di casa. Al gruppo si aggiungono Jojo (Martin Luther McCoy), un chitarrista di Detroit che dopo la morte del fratellino sente il bisogno di evadere dalla propria città; Prudence (T.V. Carpio), una giovane lesbica, e Lucy (Evan Rachel Wood), la sorella di Max, la quale ha subito la morte del fidanzato, perito in Vietnam. Jude e Lucy intraprendono una relazione, così come Jojo e Sadie.

A poco a poco però le divergenze di pensiero tra Lucy e Jude cominciano a farsi sentire. Lucy appartiene ormai ad un gruppo anti-guerra, e il suo esponente (Paco) suscita antipatia e gelosia da parte di Jude. Quest’ultimo è incentrato invece sulla propria arte, chiudendosi rispetto al mondo esterno. Anche Sadie e Jojo pervengono ad un punto di non ritorno. La cantante ha la possibilità di firmare un contratto con una casa discografica, ma senza la propria band. Scegliendo la carriera da solista, Sadie e Jojo perdono il loro rapporto sentimentale e musicale. Inoltre, dopo una scenata nella sede del gruppo politico di Lucy, la coppia protagonista si scioglie.

Il gruppo “anti-guerra” di Lucy non è pero pacifista come sembra. Paco, infatti, progettava bombe assieme ad altri amici, e questo ha causato l’esplosione di un edificio, in cui si trovava anche Lucy. Preoccupato per la possibile morte di Lucy, Jude torna in America (dopo un breve ritorno a Liverpool). Scopre da Max che la ragazza non ha subito alcun danno. Max, nel frattempo, è tornato dalla guerra in Vietnam, ferito psicologicamente e fisicamente, ma quantomeno… vivo.

Durante un concerto di Sadie, che ha firmato un altro contratto coinvolgente tutta la band, Jude sale sul tetto e intona “All you need is love”. Spera nel ritorno di Lucy, ma non la vede. Ad un certo punto però, Max indica una donna apparsa sul tetto di un altro palazzo: è Lucy. Jude e la ragazza si guardano tra lacrime di gioia, in uno sfondo musicale romantico e con le nuvole bianche in uno splendido cielo azzurro.

Across the universe

Il rapporto tra Across the Universe e la musica

Across the Universe è una piccola perla del genere musicale. Sulle note di 33 canzoni dei Beatles, gli stessi attori mostrano le loro doti canore. Forse è un azzardo, ma l’allievo-pellicola ha superato il maestro. In un processo di svecchiamento, le cover mostrate dal film hanno un duplice ruolo. Quello di far scoprire un gruppo così imponente a coloro che lo ignoravano, e di farlo apprezzare ancora di più agli amanti dei Beatles.

Tutte le versioni del film sono state riarrangiate da Elliot Goldenthal, Oscar alla migliore colonna sonora 2003 per “Frida” e compagno della regista Julie Taymor. Gli stessi personaggi come Sadie e Jojo sono stati scritturati come “omaggio” musicale. Sadie ricorda molto Janis Joplin, anche se più matura. Jojo è invece ispirato alla figura di Jimi Hendrix. È facile ricollegarlo al famoso chitarrista nella scena in cui Sadie lo veste con una fascia viola e gli abiti caratteristici di Hendrix.

La pellicola trabocca di cameo famosi. Bono Vox, cantante degli U2, interpreta il visionario Dr. Robert. Salma Hayek appare in una visione di Max (quando è ferito in guerra) in veste di infermiera. Eddie Izzard interpreta Mr. Kite, mentre Joe Cocker (sulle note di Come Togheter), impersona un hippie, un pappone e un barbone.

Non mancano riferimenti ad altri film, come quello per “Fragole e sangue” e “Il grande Lebowski”.

Riflessioni sul film Across the Universe

Across the Universe è un film onirico, romantico, con delle note drammatiche. La guerra del Vietnam è affrontata prima con una superficiale leggerezza da Max, poi con estremo dolore nel momento in cui il problema impellente della leva militare si fa sentire.

Il messaggio del film è estremamente positivo, perfettamente in linea con gli ideali trasmessi da quei ragazzi folli e sognatori degli anni ’70.All you need is love, love is all you need”: mai canzone fu più azzeccata per un musical così dolce, ottimista.

Non mancano riferimenti storici importanti, come la già citata guerra del Vietnam, le manifestazioni degli hippie, i discorsi di Martin Luther King. Emblematica la scena della cena di ringraziamento a casa di Max e Lucy, perfetti esempi di borghesi ricchi, ma intelligenti e stanchi di una vita viziata.

Intraprendendo letteralmente un viaggio negli Stati Uniti, i ragazzi scoprono sé stessi, l’amore, gli altri, ed un mondo in continua evoluzione, stanco delle inutili guerre e ammiccante ad un futuro più libero.

Di seguito, alcune delle cover più belle della pellicola:
https://www.youtube.com/watch?v=j8py4yDUqks

https://www.youtube.com/watch?v=IDuAIPul6og

Aurora Scarnera 

 

Commenti

Commenti