Home Scienza Medicina Appendicectomia: un intervento di routine

Appendicectomia: un intervento di routine

18
Appendicectomia

Capita spesso che alcuni bambini e ragazzi avvertono fastidiosi mal di pancia che preludono ad un processo infiammatorio addominale, detto appendicite. Grazie ad un intervento, detto appendicectomia, è possibile rimuovere l’appendice vermiforme infiammata prima che provochi danni maggiori.

Appendicectomia: di cosa si tratta?

Appendice vermiforme

L’appendicectomia è un intervento chirurgico che serve a rimuovere l’appendice malata; quest’ultima è una piccola sacca situata nel tratto iniziale dell’intestino crasso che si può ammalare e conduce ad un’infezione tale da degenerare in peritonite quando non viene operata in tempo.

Come si svolge?

L’intervento viene effettuato in due modalità:

  1. Laparoscopica ;
  2. Laparotomica.

Appendicectomia

L’appendicectomia per via laparoscopica prevede tre incisioni che consentono di inserire una videocamera, detta laparoscopio, e gli attrezzi che servono per effettuare l’operazione e asportare la parte infiammata. La via laparotomica rappresenta la modalità tradizionale per effettuare l’intervento  e consiste nel fare un’incisione di 5 – 10 cm nei pressi dell’appendice. Entrambe le tecniche danno risultati sovrapponibili, ma l’intervento effettuato per via laparoscopica permette di ottenere una guarigione rapida del paziente e lascia cicatrici poco visibili rispetto alla modalità laparotomica. Ecco perché questo tipo di intervento viene eseguito più frequentemente, ma ci sono casi in cui questa modalità non può essere eseguita e si effettua l’intervento per via laparotomica. L’appendicectomia viene eseguito in anestesia generale e prima dell’intervento si effettua una terapia antibiotica preventiva.

Quali sono i rischi e le complicazioni?

L’appendicectomia è un intervento routinario e la tecnica con cui lo si esegue è ben collaudata; tuttavia potrebbero verifarsi delle complicazioni non previste come emorragie o infezioni ad altri organi. Un altro rischio è dovuto alla somministrazione di anestetici generali che caussano reazioni di ipersensibilità.

Convalescenza e dieta post – appendicectonia

Dopo l’asportazione dell’apendice vermiforme i pazienti vengono dimessi dall’ospedale e la guarigione è piuttosto rapida; tuttavia assume un ruolo fondamentale l’alimentazione per il soggetto convalescente. Il paziente deve evitare l’assunzione di cibi come carne rossa, formaggi, insaccati, crostacei, cibi dolci e speziati, bevande alcoliche e assolutamente proibiti sono i cibi fritti. E’ consigliabile consumare carne bianca, pesce, ortaggi, legumi e cereali. In ogni caso è il medico che fornisce tutte le indicazioni necessarie per un recupero veloce  e completo.

Roberta Miele

Bibliografia

L. Gaeta – Manuale di chirurgia generale e delle specialità chirurgiche. Clinica e terapia chirurgica vol.2 – Aras edizioni.

 

Commenti

Commenti