Home / Religione e Mitologia / Induismo / Festività indiane: Ganesh Chaturti, Divali e Maha Shivaratri
Festività indiane: Ganesh Chaturti, Divali e Maha Shivaratri

Festività indiane: Ganesh Chaturti, Divali e Maha Shivaratri

Nel territorio Indiano ci sono fedeli appartenenti a diverse religioni tra cui hindu, buddhisti, religioni autoctone, jainismo e animisti. Ogni religione ha le proprie ricorrenze e per tale ragione l’India è sempre alle prese con nuovi festeggiamenti. Gli hindu credono che esista un unico principio divino che si manifesti agli uomini in infinite manifestazioni e ognuna presenta festeggiamenti con la propria storia, gli anniversari o le vittorie contro il male. Le festività più importanti sono Ganesh Chaturti, Divali, Maha Shivaratri Holi, di cui abbiamo già parlato. festività

festività

Navaratri

Tale festività si svolge dal 5 al 13 Ottobre per festeggiare durante nove notti la dea Durga che rappresenta al tempo stesso sia la madre benevola da amare sia la dea distruttrice da temere. Ogni giorno del festival è dedicato ad una manifestazione differente della dea, mentre il decimo ricorda  la sconfitta del demone Mahishasura per mano dell’invincibile Durga. Durante questa festività ci si cimenta in una vera e propria immensa fiera a cielo aperto con spettacoli teatrali, danze e carri allegorici. È possibile prendere parte alle processioni, ai concerti e visitare il palazzo del maharaja illuminato da 100.000 lampadine dalle 19 alle 22.

Eid-ul-Fitr e Bakra Eid

festività

Eid Mubarak (festività benedetta) è il nome di una festa musulmana celebrata in tutto il mondo islamico e in India nel mese di Agosto. Caratteristica è la presenza di due Eid durante l’anno: Eid-ul-Fitr che si festeggia alla fine del mese del digiuno, il Ramadan, e Eid-ul-zuha o più semplicemente Bakra Eid. Maometto dice:

«Colui che digiuna avrà la gioia e la felicità in due occasioni: quando interrompe il digiuno e quando incontrerà il suo Signore il Giorno del Giudizio.»

Durante l’Eid-ul-Fitr la popolazione dà il via ai festeggiamenti mediante preghiere collettive per poi continuare con favolosi banchetti familiari all’insegna dell’ospitalità, dell’altruismo ed dell’accoglienza. A Bakra Eid invece si ringrazia dio per la buona fortuna e si condivide ciò che si ha con gli altri, soprattutto con i poveri.

Festività in onore di Govinda: festivitàKrishna Janmashtami

Sempre ad Agosto si è soliti festeggiare il compleanno di Govinda, incarnazione del dio Vishnu. Il piccolo Krishna era bellissimo e nelle Raslila, sacre rappresentazioni delle gesta divine, viene descritto come un bambino molto furbo al punto da convincere gli amici ad aiutarlo a rubare l’amato burro ripetutamente.

È dunque tradizione, in tale giornata, cimentarsi in divertenti giochi di piramidi umane rompendo con un bastone un’ampolla di argilla stracolma di burro.

festivitàRaksha Bandhan

In Indu Raksha significa protezione, bandhan legame. Insieme le due parole celebrano la festa dell’amore tra fratelli e sorelle. In questo giorno i fratelli rinnovano la promessa d’amore e protezione reciproca. Le sorelle, allo stesso modo, nel rinnovare tale promessa preparano le offerte per gli dei ossia dolci, riso, incenso, fuoco e un braccialetto da legare al polso del fratello che ricambierà a sua volta con un regalo e con la rassicurazione di essere sempre pronto a proteggerla.

“Secondo la leggenda fu la dea Lakshmi a inaugurare il rito del braccialetto legandolo al demone dio Bali, gran devoto del marito Vishnu, e così il demone convinse il dio ad abbandonare il regno terreno per tornare dalla famiglia nelle alte sfere“.[1]

Makar Sankranti 

makar-sankranti

Il mito vuole che il grande eroe Bhishma attese questo giorno propizio per morire, trascorrendo molti mesi trafitto in un letto di frecce.[2] Questa festività nazionale porta alla credenza che lasciando questa vita terrena il 14 di gennaio si raggiunga direttamente il regno della luce, senza rischiare incarnazioni sgradevoli. Si celebra il momento in cui il sole, muovendosi dal tropico del Cancro a quello del Capricorno, comincia il suo viaggio nell’emisfero Nord.  1In molte zone si distribuiscono semi di sesamo che rappresentano un simbolo di amicizia e zucchero di canna grezzo che manifesta un buon comportamento. Quando i festeggiamenti finiscono i tetti si popolano di guerrieri di ogni età pronti a sfidarsi in una battaglia degli aquiloni. Questa festività non ha una data fissa.

Sabrina Mautone

Fonti

Fonte immagini: Google.it

Fonte citazione: Eid_Mubarak

Fonte Articolo: 5 feste popolari

Curiosità: La prima donna illuminataBuddha GautamaOm – Origine di tutti i mantraLa Trimurti.

Holi Indiano: la festività religiosa induista piena di colori

Tratti da Leggende:

[1]Secondo la leggenda fu la dea Lakshmi a inaugurare il rito del braccialetto legandolo al demone dio Bali, gran devoto del marito Vishnu, e così il demone convinse il dio ad abbandonare il regno terreno per tornare dalla famiglia nelle alte sfere.

[2] Il mito vuole che il grande eroe Bhishma attese questo giorno propizio per morire, trascorrendo molti mesi trafitto in un letto di frecce.

 

 

Commenti

Commenti

About Sabrina Mautone

Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Diplomata presso il Liceo Scientifico Niccolò Braucci e laureanda in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.